La Corte dei conti europea bacchetta la Commissione sulla gestione del Fondo Fiduciario per l’Africa

La Corte dei conti europea ha pubblicato lo scorso 5 dicembre una relazione sul Fondo fiduciario di emergenza per l’Africa (EU Emergency Trust Fund for Africa), lo strumento lanciato nel 2015 durante il Summit di La Valletta per affrontare le cause alla base delle crisi umanitarie nelle regioni del Sahel e del lago Ciad, nel Corno d’Africa e in Nord Africa e della conseguente migrazione irregolare. L’audit aveva l’obiettivo di valutare le modalità di progettazione e attuazione dei progetti finanziati attraverso il fondo, gli auditor hanno esaminato i finanziamenti della Commissione, nonché le procedure di selezione per i progetti, il sistema di monitoraggio e i risultati rendicontati dagli enti attuatori. I controlli hanno riguardato i progetti realizzati in Niger e Libia, i paesi con maggiori assegnazioni di fondi. Il quadro che emerge non è positivo, la relazione definisce il Trust Fund “uno strumento flessibile”, che consente di fornire assistenza in diversi settori (alimentazione, istruzione, sanità, sicurezza) ma con “obiettivi troppo ampi” che compromettono l’efficienza degli interventi. Leggi altro ›

Il prossimo bilancio UE deve essere all’altezza della sfida dell’Agenda 2030

Il 13 e il 14 dicembre prossimi, nel corso di una riunione del Consiglio europeo, il Consiglio presenterà una relazione sullo stato di avanzamento del Multi-Annual Financial Framework (MFF), ovvero il bilancio dell’Unione per il periodo 2021-2027, quello che si concluderà solo tre anni prima del termine ultimo per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Il ruolo dell’Unione Europea nel raggiungimento di questi obiettivi è di primo piano in quanto principale donatore di aiuto allo sviluppo a livello mondiale. E’ proprio attraverso il prossimo MFF che l’UE potrà confermare o meno il suo ruolo di leader mondiale impegnato a tener fede alle promesse fatte nei confronti dei più poveri del mondo, per questo motivo è essenziale tenere d’occhio le negoziazioni e i passaggi che porteranno all’approvazione finale del bilancio a maggio 2019. Leggi altro ›

Clima incandescente sul Global Compact, le ONG chiedono un’impegno al governo

Lo scorso luglio gli stati membri delle Nazioni Unite hanno finalizzato il testo del primo accordo internazionale sulle migrazioni globali. Il “Global Compact per una Migrazione sicura, ordinata e regolare” (GCM) è il risultato di quasi due anni di trattative. Gli Stati Uniti hanno lasciato il tavolo dei negoziati quando la discussione era appena iniziata, e l’Ungheria si è tirata indietro alla fine dei negoziati. Finora il patto sembra tenere anche se crescono i paesi (soprattutto europei) che hanno deciso di defilarsi nelle ultime settimane: Israele, Austria, Repubblica Ceca, Polonia, Croazia, Slovenia, Bulgaria e Svizzera. In Italia il clima si sta surriscaldando intorno alla posizione da tenere al prossimo vertice di Marrakech dove si voterà per l’approvazione del GCM nonostante il premier Conte abbia assicurato nel suo discorso alle Nazioni unite di settembre il sostegno italiano all’accordo. Nei giorni scorsi però sono scattati i primi pronunciamenti aggressivi da parte di leader della Lega e di Fratelli d’Italia per fare pressione sul ministro Moavero con conseguenti appelli perché il Governo si schieri per il no. Leggi altro ›

Tornano i tagli all’8×1000, il PM Conte dimezza i fondi su fame nel mondo e rifugiati

Era dai tempi di Berlusconi che il governo non rimetteva le mani nei fondi otto per mille dell’Irpef a gestione statale per coprire buchi o soddisfare esigenze emergenziali di vario genere. In passato questa è stata una dinamica quasi consolidata che solo dopo l’intervento del ministro Riccardi era stata parzialmente bloccata. Il fondo otto per mille è stato più volte oggetto dei bisogni della politica. Un portafoglio di emergenza da cui attingere per qualunque motivo o semplicemente per far quadrare i conti delle finanziarie. Dagli anni di Berlusconi in poi porzioni importanti di questi fondi sono stati utilizzati per le più disparate spese. Prima alla Protezione civile, poi per la flotta aerea, poi le avversità atmosferiche del 2012 e a seguire gli eventi alluvionali, atmosferici e le precipitazioni nevose verificatesi tra 2012 e 2014. Leggi altro ›

Cos’è cambiato nel Quadro Logico della PRAG 2018

Da diversi anni questo blog accompagna i progettisti della community della cooperazione internazionale tra bandi, delibere, formulari e quadri logici con l’obiettivo di rendere migliore il nostro lavoro e di capire i cambiamenti e le tendenze prima che sia troppo tardi. Lo abbiamo fatto grazie al contributo di diversi colleghi che negli anni si sono cimentati nello scrivere post, guide, vademecum che aiutassero i lettori a decifrare le regole dei donatori e del complicato mondo del project cycle management. Vi proponiamo oggi un nuovo aggiornamento sul Quadro Logico che di fatto è lo schema dentro il quale gradualmente vengono introdotte le novità più interessanti nel mondo della progettazione. Il nostro esperto Christian Elevati ci aiuta con un paper dedicato a decifrare le modifiche apportate dalla Commissione Europea (EuropeAid) allo scheda di Logical Framework all’interno del recente aggiornamento della Procedures and Practical Guide (PRAG). Leggi altro ›

Milano per il co-sviluppo, al via un micro bando per progetti delle diaspore

A pochi giorni dalla seconda edizione del Summit Nazionale delle Diaspore, l’evento nazionale dedicato alla diaspora in Italia in materia cooperazione internazionale che si terrà a Milano a partire dal 15 dicembre, il Comune di Milano a pubblicato un avviso pubblico per sostenere micro progetti di co-sviluppo. Si tratta di “Milano per il co-sviluppo 2018” il bando che assegnerà contributi a favore di soggetti senza fini di lucro appartenenti alle associazioni di migranti, della diaspora o di seconde generazioni del territorio milanese. La dotazione è di soli 37.200 euro e il contributo comunale non potrà essere superiore a 9.300 euro per progetto. La scadenza per la presentazione dei progetti è fissata per il 24 dicembre 2018 Leggi altro ›

Progetti contro la violenza sulle donne, UN Women apre la call 2018

UN Women ha recentemente aperto il bando per il Fondo fiduciario delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne. Questo fondo è un meccanismo multilaterale globale e sostiene azioni per prevenire e porre fine alla violenza contro le donne e le ragazze, una delle più diffuse violazioni dei diritti umani nel mondo. Il fondo è gestito da UN Women per conto del sistema delle Nazioni Unite. Particolare attenzione è rivolta alle proposte progettuali provenienti organizzazioni che si occupano di diritti delle donne, guidate da donne, e dalle piccole organizzazioni di base (tra cui quelle giovanili). Il fondo darà priorità alle proposte presentate da organizzazioni della società civile che si qualificano per il finanziamento nell’ambito delle tre aree programmatiche della sua strategia 2015-2020. Scadenza per l’invio dei concept note 18 gennaio 2019 Leggi altro ›

Al via il ciclo annuale per presentare progetti al fondo ONU per la democrazia

Il Fondo delle Nazioni Unite per la democrazia (UNDEF) invita anche quest’anno le organizzazioni della società civile a presentare proposte progettuali progetti da co-finanziare per promuovere e sostenere la democrazia. I progetti, della durata massima di 2 anni, potranno ricevere un finanziamento compreso tra 100 e 300.000 dollari e dovranno rientrare in una o più aree tematiche del fondo. Negli ultimi 12 anni, UNDEF ha supportato oltre 780 progetti in oltre 120 paesi per un importo totale di quasi 190 milioni di dollari. Le proposte dovranno essere presentate in inglese o francese attraverso l’applicazione online entro il 15 gennaio 2019 Leggi altro ›

Programma Erasmus, ecco le scadenze del 2019

Sono state rese note di recente le azioni chiave e le scadenze del programma Erasmus+ che si apriranno per il 2019. Il programma rappresenta un’opportunità sempre più rilevante per attivare dinamiche di mobilità nel settore dell’educazione, della formazione, della gioventù. Il bando generale 2019 prevede scadenze già programmate per le seguenti Azioni chiave 1, 2 e 3 tra febbraio e aprile e mette a disposizione 2,7 miliardi di euro Leggi altro ›

Ecco le risposte alle FAQ del bando OSC 2018

L’AICS ha pubblicato le risposte alle oltre sessanta domande frequenti sottoposte nelle scorse settimane dalle Organizzazioni della Società Civile in merito alla procedura aperta di bando per i progetti di cooperazione nei paesi partner. Le domande prese in considerazione sono relative a questioni di carattere ed interesse generale e non quelle che riguardano aspetti puntuali di specifiche iniziative.  Il bando ha una dotazione di 70 milioni di euro e la scadenza per la presentazione delle proposte progettuali complete è fissata per il prossimo 19 dicembre 2018 Leggi altro ›

Mani Tese – Amministratore/trice – Guinea Bissau

La ONG Mani Tese sta selezionando un Amministratore/trice paese per la sua operatività in Guinea Bissau. Durata 12 mesi rinnovabili. Scadenza candidature 2 gennaio 2019 Leggi altro ›

EMERGENCY – Logista Kabul – Afghanistan

Emergency è alla ricerca di un/a Logista per la sua operatività in Afghanistan. Tipo contratto: contratto di collaborazione retribuita. Durata contratto: 6 mesi. Scadenza invio candidature 15 gennaio 2019 Leggi altro ›

Africa Mission – Due nuove figure – Uganda

Cooperazione e Sviluppo – Africa Mission ricerca due figure da inserire nella sua operatività in Uganda. Candidature da inviare entro il 6 gennaio 2019 Leggi altro ›

UPP – Project Manager Advocacy – Roma

Un Ponte Per – UPP è alla ricerca di un/a Project Manager Progetto Advocacy su Islamofobia per la sua sede di Roma con missioni in Europa). Disponibilità: part time 50%. Durata: 22 mesi. Scadenza invio candidature 30 Dicembre 2018 Leggi altro ›

COOPI – Due nuove posizioni

La ONG Coopi è alla ricerca di due nuove figure da inserire nella sua operatività in RCA e Italia. Scadenza invio candidature 18 e 23 dicembre 2018 Leggi altro ›

INTERSOS – Coordinateur Logistique – Cameroun

Intersos è alla ricerca di un/a Coordinateur Logistique da inserire nella sua operatività in Camerun. Durata contratto: 9 mesi. Scadenza invio candidature 25 dicembre 2018 Leggi altro ›

UPP – Cinque nuove posizioni

Un Ponte Per – UPP è alla ricerca di cinque nuove figure per la sua operatività in Nord Est Siria e Iraq. Scadenza invio candidature 30 dicembre 2018 Leggi altro ›

Traduci il blog

Archivi