ONG o OSC? Aggiornato l’elenco delle organizzazioni riconosciute dall’Agenzia

Dal primo gennaio del 2016 la legge 125 ha sostituito l’idoneità delle ONG con l’istituzione all’elenco delle Organizzazioni della Società Civile ed altri soggetti senza finalità di lucro che risultino idonee ai sensi dell’art. 26. L’elenco, costituito presso l’Agenzia, è stato in prima battuta formato dalle ONG idonee al 31 dicembre 2015 che ne hanno fatto espressamente richiesta. Si trattava di 191 organizzazioni delle 232 ONG idonee gestite in precedenza dalla DGCS del MAECI. Nel febbraio 2016 l’AICS ha provveduto a pubblicare i criteri di iscrizione all’elenco per le organizzazioni che non fossero precedentemente riconosciute come ONG idonee e di seguito li ha modificati con l’approvazione di nuove Linee guida a fine dicembre 2017. Oggi, a quasi quattro anni dall’approvazione della riforma della cooperazione, sono solo 28 le nuove organizzazioni iscritte all’elenco, per un totale di 220, 12 in meno di quelle idonee presso la DGCS in epoca pre-riforma. Leggi altro ›

In Italia è tempo di barriere, l’89% della popolazione descrive la nazione come divisa

“La maggior parte degli italiani non abbraccia atteggiamenti estremisti nei confronti dei migranti ma nutre profonde preoccupazioni riguardo alla gestione e agli impatti delle migrazioni”. E’ questo uno dei risultati più attuali di una ricerca effettuata negli scorsi sei mesi da Ispos Italia all’interno dell’iniziativa More in Common e pubblicata di recente. Nonostante l’attualità delle ultime settimane potrebbe sembrare dissonante da quanto hanno dichiarato la maggior parte degli intervistati, gli italiani pare abbiano una discreta capacità di analisi al di là dalla tempesta comunicativa anti immigrazione degli ultimi tempi. La maggioranza infatti crede ancora saldamente nel principio di asilo (72%) ma si dice preoccupata per il crescente clima di razzismo e discriminazione (61%). Ma dal quadro complessivo che emerge dalla ricerca è chiaro che in Italia è tempo di barriere, l’89% della popolazione descrive la nazione come divisa. Leggi altro ›

A Emanuela del Re la delega di Vice Ministro alla Cooperazione

Due mesi dopo l’insediamento alla Farnesina del ministro Moavero Milanesi si chiarisce finalmente l’assetto del Ministero degli Esteri che dall’approvazione della legge 125 prevede la nomina di un vice ministro con delega alla cooperazione allo sviluppo. Sarà Emanuela del Re, neoeletta deputata del Movimenti 5 Stelle, a ricoprire questo ruolo di crescente importanza e complessità. Giovedì scorso il Ministro Moavero ha infatti sciolto la riserva sulla delega fortemente attesa nel mondo della Cooperazione a partire dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione che cerca in queste settimane una nuova guida con la selezione del nuovo direttore che volge ormai verso la conclusione. Leggi altro ›

“Tutta colpa delle ONG”: come e perché sono diventate il nemico pubblico numero uno

Dal codice di autoregolamentazione di Marco Minniti al bando dai porti italiani, la campagna di criminalizzazione nei confronti delle ONG che operano nel Mediterraneo è una delle cose che accomuna i governi Gentiloni e Conte. Dal ruolo di comparse a quello di attori protagonisti il passo è stato breve: in pochi mesi gli operatori delle ONG sono diventati la ragione di tutti i problemi nella gestione dei flussi migratori o, a seconda, gli unici eroi cui stia a cuore la vita delle persone che tentano di attraversare il Mediterraneo in cerca di una vita migliore in Europa. Una centralità invisa agli stessi operatori umanitari, che peraltro non costituiscono un unico “blocco”, ma rispondono a organizzazioni diverse e talvolta distanti per orientamento, costituzione, riferimenti politici o culturali. Quello che è accaduto in queste settimane, infatti, è solo la naturale prosecuzione di una campagna cominciata tempo addietro, che ha portato, nei fatti, all’estromissione delle ONG dall’attività di pattugliamento del mare, con poche ostinate eccezioni. Leggi altro ›

L’esternalizzazione delle frontiere è inaccettabile e illusoria

Gli Stati membri dell’Unione Europea si incontreranno nel Consiglio Europeo di oggi e domani per discutere, tra le altre cose, delle dimensioni interna ed esterna della politica migratoria, compresa la riforma del sistema europeo comune di asilo (CEAS). Nei giorni scorsi sono state avanzate già diverse proposte che ancora una volta sono prevalentemente centrate sulla cosiddetta esternalizzazione delle frontiere, piuttosto che sulla protezione dei rifugiati e il rispetto dei diritti umani: una  gestione dei migranti che tende a sospingerli ad ogni costo verso i Paesi di origine e di transito, utilizzando in modo improprio parte delle risorse per lo sviluppo del Fondo fiduciario di Emergenza dell’UE per l’Africa (EUTF)in fase di rifinanziamento. L’obiettivo è la creazione di hotspot, o “piattaforme di sbarco”, proprio in quei Paesi allo scopo di rafforzare i confini esterni di quella che sempre più sta trasformando il nostro continente in una “Fortezza Europa“. Leggi altro ›

DEAR 2018, la Commissione blocca la caccia all’Applicant

La recente pubblicazione di un Corrigendum al bando europeo DEAR – Raising public awareness of development issues and promoting development education – ha di fatto messo fine a una sorta di caccia all’Applicant che negli ultimi dieci giorni si era scatenata tra le organizzazioni della società civile europea attive nel mondo dell’educazione alla cittadinanza globale e dell’awareness sui temi dello sviluppo globale. Avevano fatto discutere infatti alcuni requisiti molto selettivi fissati da Devco rispetto all’eleggibilità dell’organizzazione proponente. Il bando chiedeva che il lead Applicant di ogni proposta progettuale potesse dimostrare, attraverso la compilazione di appositi allegati, le proprie capacità ed esperienze pregresse in materia di Communication and outreach strategy, Social media capability e produzione di video. Richieste stringenti che avrebbero tagliato fuori la maggior parte delle OSC europee dalla possibilità di essere capofila di una progettazione. Il Corrigendum di fatto estende la maggior parte dei requisiti richiesti all’intera partnership anziché al singolo lead Applicant. Leggi altro ›

Fondo FAMI: ecco la graduatoria 2017 e il bando 2018

Solo 21 dei 121 progetti presentati è stato ammesso al finanziamento all’interno del bando “Promozione di interventi di inclusione sociale ed economica di cittadini dei Paesi terzi sviluppati in Italia e in altri Stati membri” nell’ambito del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (FAMI) per un totale di altre 10 milioni di euro. Proprio in questi giorni è stata pubblicata la nuova edizione del bando per il 2018 con una dotazione complessiva di oltre 16 milioni di euro. Il bando è rivolto a enti pubblici, attori non-profit stabiliti in uno degli Stati UE e organizzazioni internazionali. La scadenza per la presentazione delle proposte progettuali è fissata al 31 gennaio 2019 Leggi altro ›

Horizon 2020: Ecco i temi dei prossimi bandi dedicati a cambiamenti sociali, migrazioni e governance

A fine 2017 la Commissione europea ha adottato i programmi di lavoro 2018-2020 relativi al programma HORIZON 2020 per il sostegno ad attività di ricerca e innovazione nei prossimi tre anni. L’adozione dei programmi di lavoro ha dato avvio alla pubblicazione dei bandi per il triennio, che coprono i tre pilastri del programma: Eccellenza scientifica, Leadership industriale e Sfide della società. Quest’ultimo pilastro comprende la priorità “L’Europa in un mondo che cambia – Società inclusive, innovative e riflessive” che incluse diversi temi di grande interesse per le ONG e la OSC impegnate a diverso titolo sui temi delle migrazioni, della sostenibilità e delle trasformazioni sociali e culturali. L’apertura di questi bandi è prevista il 6 novembre 2018 con scadenze programmate dei singoli topic fino al 14 marzo 2019.

Leggi altro ›

Bando DEAR 2018, la Commissione punta tutto su comunicazione e awareness

Con un certo anticipo rispetto alle aspettative DEVCO ha pubblicato la call 2018 del DEAR – Raising public awareness of development issues and promoting development education in European Union, parte integrante del programma tematico DCI II – Organizzazioni della società civile e Autorità locali. Un’uscita anticipata per motivi di urgenza, spiegano a EuropeAid, il dibattito pubblico a livello europeo sui temi della cooperazione si sta deteriorando (l’Italia ne è un esempio lampante) e l’approssimarsi delle elezioni europee del 2019 inducono la Commissione ad accelerare la procedura per attivare compagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica su temi chiave come migrazioni e cambiamenti climatici. E’ proprio l’opinione pubblica, in particolare i giovani, il target privilegiato di questa call che chiede alle organizzazioni di concentrarsi su campagne di comunicazione pan-europee e minimizzare altre attività tipiche del DEAR come educazione, advocacy e policy. Il bando ha una allocazione finanziaria triennale di 77 milioni di euro ed è suddiviso in tre lotti, due dedicati alle OSC e uno alle autorità locali. La scadenza per l’invio dei concept note è fissata per il 25 settembre 2018 Leggi altro ›

Da Fondazione Costa Crociere un bando per progetti innovativi e sostenibili

Il bando 2018 della Fondazione Costa Crociere si focalizza sulla lotta alle principali cause di povertà ed esclusione sociale, fornendo ai membri più bisognosi della società le risorse necessarie a condurre una vita dignitosa attraverso progetti di women empowerment, assistenza al soddisfacimento dei bisogni di base, oppure educazione, formazione e training. Quest’anno le aree prioritarie di intervento saranno women empowerment (in particolare a favore di donne vittime di violenza), assistenza al soddisfacimento dei bisogni di base (cibo, riparo, assistenza medica) ed educazione, formazione e training per giovani NEET. Scadenza 5 agosto 2018 Leggi altro ›

CEFA – Due nuove posizioni

La ONG CEFA cerca un/una Coordinatore/Coordinatrice regionale Kenya /Somalia e un/a Animatore Comunitario per il Mozambico. Durata 12 mesi. Scadenza invio candidature 20 settembre 2018 Leggi altro ›

Fondazione Giovanni Paolo II – Operatore/Mediatore Culturale

La ONG Fondazione Giovanni Paolo II cerca un Operatore/Mediatore Culturale per il Progetto di accoglienza per richiedenti asilo. Sede di lavoro Montevarchi (AR). Durata 12 mesi. Scadenza candidature 10 settembre 2018 Leggi altro ›

Africa 70 – Coordinatore/trice progetto – El Salvador

Movimento Africa ’70 cerca un/una Coordinatore/Coordinatrice generale espatriato/a, per un progetto in El Salvador, Honduras e Guatemala. Durata contratto 12 mesi. Scadenza invio candidature 7 settembre 2018 Leggi altro ›

Coopi – Quattro nuove posizioni

La ONG COOPI sta selezionando quattro nuove figure da inserire nella sua operatività in Nigeria, Sierra Leone e Italia. Scadenza invio candidature 27 e 31 agosto 2018 Leggi altro ›

COSPE – Direttore/rice Dipartimento amministrazione – Firenze

La ONG Cospe ricerca un/a Direttore/Direttrice del Dipartimento amministrazione, qualità e risorse umane per la sua sede centrale a Firenze. Durata contratto 24 mesi. Scadenza candidature 10 settembre 2018 Leggi altro ›

GVC – Chef du projet WASH – Burundi

La ONG GVC sta selezionando un/a Chef du projet WASH da inserire nella sua operatività in Burundi. Durata contratto: 12 mesi, rinnovabili. Scadenza candidature 31 agosto 2018
Leggi altro ›

CCM – Project Coordinator – Etiopia

La ONG CCM ricerca un/a Project Coordinator da inserire nella sua operatività in Etiopia. Durata contratto: fino al 19 aprile 2019, con possibilità di estensione. Scadenza candidature 31 agosto 2018 Leggi altro ›

Traduci il blog

Archivi