L’Europa riscrive la Cooperazione del futuro, non facciamo mancare la voce dell’Italia

Il 2017 sarà un anno importante per la cooperazione allo sviluppo a livello europeo perché si arriverà all’approvazione del nuovo European Consensus on Development, il documento che riformerà le regole di base della cooperazione allo sviluppo oltre a ridefinirne gli obiettivi e i valori di riferimento. Siglato originariamente nel 2005 dovrà arrivare a un suo aggiornamento proprio entro metà di quest’anno con la conclusione della presidenza di Malta. Il processo di discussione del nuovo Consenso Europeo sullo Sviluppo fornirà quindi l’occasione per definire gli obiettivi, i valori e principi condivisi per cui l’UE e gli Stati membri si sono impegnati nell’adozione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e dovrà costituire una solida base per un approccio comune per lo sviluppo sostenibile nel prossimo decennio. Un processo che in molti paesi europei ha mobilitato i governi nell’elaborazione di una posizione condivisa con gli stakeholders nazionali della cooperazione. Da noi, nonostante non manchino attenzione e mobilitazione sulla cooperazione allo sviluppo, stenta ad emergere una posizione dell’Italia e questa non sarà comunque discussa e/o condivisa con i molteplici attori del settore.… Leggi altro

Otto per mille a gestione statale, una storia infinita di opacità e cattiva gestione

“Assenza di controlli sulla gestione delle risorse” e “scarso interesse per la quota di propria competenza da parte dello Stato”, come accade ormai da anni. E’ quello che emerge dall’ennesima relazione della Corte dei conti sulla destinazione e gestione dell’8 per mille dell’Irpef, cioè il sistema introdotto nel 1985 che prevede la destinazione di una quota di gettito fiscale alla Chiesa cattolica, ad altre dieci confessioni religiose e allo Stato. Molti di noi conoscono il meccanismo perchè sono chiamati ogni anno ad apporre una firma nella propria dichiarazione dei redditi per scegliere a chi destinare l’8×1000 dell’Irpef. La scelta è appunto tra una delle 11 confessioni religiose e lo Stato. Come è noto la Chiesa fa da sempre la parte del leone, ricevendo ogni anno più di 1 miliardo di euro, mentre allo Stato vanno le briciole: lo scorso anno meno di 190 milioni. … Leggi altro

Cosa abbiamo firmato con la Libia

Negli ultimi giorni non sono mancate le reazioni entusiastiche e ipercritiche all’accordo che il premier Gentiloni ha sottoscritto giovedì scorso con la Libia (o meglio il governo di Riconciliazione guidato da Al-Serraj) sul contrasto all’immigrazione. Il testo, che vi proponiamo di seguito, è quello integrale del “Memorandum d’intesa sulla cooperazione nel campo dello sviluppo, del contrasto all’immigrazione illegale, al traffico di esseri umani, al contrabbando e sul rafforzamento della sicurezza delle frontiere”, ovvero l’accordo sottoscritto dalle due parti. Per il nostro governo sarebbe un accordo di “cooperazione allo sviluppo e impegno comune nel contrasto al traffico di esseri umani” mentre la ONG Medici senza Frontiere l’ha definito “cinico, ipocrita e disumano”. Cinico perché non si pone il problema di cosa succederà agli esseri umani che saranno detenuti in Libia, ipocrita perché cerca di mascherare in mille modi l’unico obiettivo che conta: fermare in Libia i migranti.  Disumano perché per migliaia di esseri umani, il respingimento in Libia avrà come immediata conseguenza detenzioni arbitrarie, maltrattamenti, stupri e sfruttamento.… Leggi altro

Fondo Africa a rischio: securizzazione o cooperazione?

Mentre oltreoceano si procede spediti verso la costruzione di un nuovo muro tra gli Stati Uniti e il Messico, a casa nostra ci apprestiamo a spostare definitivamente i confini europei in Africa. Venerdì prossimo i capi di stato europei si riuniranno a Malta per un Consiglio europeo informale e saranno chiamati a prendere una decisione sul nuovo piano per il blocco dei migranti lungo la rotta del Mediterraneo. Nel frattempo a Roma è prevista per questa settimana l’emanazione del decreto per l’implementazione del Fondo per l’Africa di 200 milioni di euro, istituito dal Governo nella Legge di Bilancio 2017. In origine sarebbe dovuto essere “un fondo per interventi straordinari volti a rilanciare il dialogo e la cooperazione con i Paesi africani d’importanza prioritaria per le rotte migratorie” ma rischia di trasformarsi in un ulteriore contributo italiano ai blocchi navali e alle operazioni di polizia frontaliera nei paesi africani.… Leggi altro

Tutti i numeri delle ONG italiane

E’ passato poco più di un anno e mezzo da quando abbiamo lanciato il progetto Open Cooperazione chiedendo alle organizzazioni attive nel mondo della cooperazione internazionale e dell’aiuto umanitario di rendere pubblici nel portale i propri dati di trasparenza in formato opendata. Ci eravamo posti l’obiettivo di offrire un nuovo strumento di accontability e trasparenza alle organizzazioni italiane e di mettere insieme i dati di un settore spesso difficile da contabilizzare. In Italia questo settore raramente guadagna le prime pagine dei giornali se non quando la cronaca racconta di qualche cooperante italiano rapito o addirittura morto in contesti di guerra e conflitto. Eppure si tratta di un ambito quanto mai importante e strategico per il nostro paese che recentemente ha messo la cooperazione allo sviluppo al centro della sua politica estera tanto da emanare un’apposita legge in materia e trasformare il nostro Ministero degli Affari Esteri in Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.… Leggi altro

Al via 25 progetti co-finanziati dalla Regione Emilia Romagna

La Giunta della Regione Emilia-Romagna ha recentemente approvato l’elenco dei progetti di cooperazione decentrata allo sviluppo da finanziare ai sensi della LR 12/2002. Su 41 progetti complessivamente arrivati in risposta al bando, 36 sono stati ritenuti ammissibili. Le risorse disponibili per il bando, pari a 963.000,00 euro, hanno consentito di finanziare 28 progetti, dei quali 25 sulla base delle risorse indicativamente assegnate per area e 3, solo parzialmente, attraverso le risorse residuate sulle aree.… Leggi altro

A breve la riapertura dei termini per presentare proposte alla Peretti Foundation

La Fondazione Nando Peretti, rinominata di recente Nando and Elsa Peretti Foundation (NaEPF), ha riaperto i termini pert la presentazione dio proposte progettuali. La Fondazione opera ormai da più di dieci anni per sostenere progetti volti alla promozione dei diritti umani, l’educazione e la protezione dei bambini, la ricerca medica e scientifica, la salute, la promozione dell’arte e della cultura, la tutela dell’ambiente e la conservazione della fauna selvatica. Possono presentare una proposta di progetto le organizzazioni non-profit. Prima scadenza disponibile 17 marzo 2017Leggi altro

Un premio per il giornalismo che racconta i temi dello sviluppo

Si è aperta di recente l’edizione 2017 del premio giornalistico Lorenzo Natali, che offre riconoscimento ai migliori lavori giornalistici sui temi dello sviluppo e in particolare dell’eliminazione della povertà. Il premio, dedicato alla memoria dell’ex commissario per lo sviluppo difensore della libertà di espressione, della democrazia, dei diritti umani e dello sviluppo, è stato istituito nel 1992 dalla Commissione europea per illustrare come le grandi storie possono cambiare il mondo e premia i giornalisti (professionisti e dilettanti) che a volte mettono a rischio anche la loro vita per garantire la libertà di informazione. Per i giornalisti rappresenta un’opportunità per dimostrare il loro impegno ad affrontare e raccontare i temi dello sviluppo, dell’eliminazione della povertà e della democrazia, come anche ad ispirare le persone a migliorare la vita nelle loro comunità. Il termine per inviare le candidature è il 10 marzo 2017.Leggi altro

Aggiornamento bandi EuropeAid (Febbraio 2017)

Torna l’aggiornamento sui bandi paese aperti presso EuropeAid suddivisi per programma. Si tratta in particolare di bandi aperti del programma dedicato alle Organizzazioni della società civile e alle Autorità locali e del programma European Instrument for Democracy and Human Rights (EIDHR). Vediamo nel dettaglio quali sono i bandi aperti alla data odierna.… Leggi altro

Dalla UE 15 milioni per sviluppare l’economia verde in sette paesi dell’Africa

Il programma SWITCH Africa Green è stato lanciato già dal 2014 con l’obiettivo globale di sostenere la trasformazione verso un’economia verde inclusiva che generi crescita, posti di lavoro e riduca la povertà in Africa. Si tratta di un Flagship initiative, quei programmi che la UE ha voluto mettere in campo su temi specifici coinvolgendo un ampio gruppo di attori tra cui le organizzazioni internazionali, singoli stati membri e il settore privato profit. SWITCH Africa Green infatti vede il coinvolgimento di UNEP, UNDP, UNOPS, Unione Africana e Banca Africana per lo sviluppo AfDB. Il suo obiettivo specifico è l’adozione di pratiche di consumo e produzione sostenibili in 7 paesi africani: Burkina Faso, Etiopia, Ghana, Kenya, Mauritius, Sud Africa e Uganda. Il programma è composto da diversi strumenti specifici volti a supportare i settori chiave individuati: agricoltura, turismo, rifiuti e settore manifatturiero. Il bando pubblicato dalla UE alcuni giorni fa si riferisce in particolare a questi ambiti mettendo a disposizione un budget di 15,5 milioni. La scadenza per la presentazione dei concept note è fissata per il 31 marzo 2017.Leggi altro

AVSI – Project Manager – Congo Brazzavile

La ONG Avsi sta selezionando un/a Project Manager da inserire nella sua operatività in Congo Brazzaville. Durata contratto 12 mesi. Scadenza per le candidature 12 marzo 2017Leggi altro

TDH – Admistrator & Financial Officer – Iraq

Terre des Hommes Italia sta selezionando un/a Admistrator & Financial Officer da inserire nella sua operatività nel Kurdistan Region of Iraq. Contratto a Progetto 12 mesi rinnovabili. Scadenza per le candidature 28 febbraio 2017Leggi altro

ICU – Junior Project Manager – Giordania

La ong ICU sta selezionando un/a Junior Project Manager da inserire nella sua operatività in Giordania. Durata contratto 6 mesi con possibilità di estensione di ulteriori 18 mesi. Scadenza per le candidature 16 marzo 2017Leggi altro

GVC – Représentant Pays et Chef de Projet – Burkina Faso

La ONG Gvc cerca un/a Représentant Pays et Chef de Projet da inserire nella sua operatività in Burkina Faso. Durata contratto 12 mesi. Candidature entro il 17 marzo 2017Leggi altro

COSV – Capo progetto – Libano

La ONG Cosv sta selezionando un/a Middle East Design, Monitoring and Evaluation (DME) Officer da inserire nella sua operatività in Libano. Durata contratto superiore a 12 mesi. Scadenza per le candidature 25 febbraio 2017Leggi altro

MDM – Data collector/analyst – Reggio Calabria

La ONG internazionale Médecins du Monde sta selezionando un/a Data collector/analyst part time. Base di lavoro Reggio Calabria. Scadenza invio CV marzo 2017Leggi altro

HUMANA – stagista/volontario – Mozambico

HUMANA People to Peole Italia ONLUS ricerca per la sua sede di Pregnana Milanese (MI) un/a stagista e volontario/a per ADPP Collegio Nacala, Mozambico, con inserimento entro metà marzo, massima urgenza.… Leggi altro

Traduci il blog

Archivi