Fermare i salvataggi in mare delle ONG, l’ennesima sconfitta della politica europea

A poche ore dal vertice di Tallin e dopo le minacce italiane di chiudere i propri porti alle navi che trasportano migranti e di istituire un codice di condotta per le Ong, a reagire è l’intera Confederazione CONCORD Europe, che riunisce 2600 Ong di 28 Paesi europei. La società civile europea si dice preoccupata dopo le recenti dichiarazioni in merito alla gestione dei flussi migratori a livello europeo., si teme che nuove misure possano limitare la loro azione nel mar Mediterraneo, spostando l’attenzione, dalla mancanza di solidarietà tra gli Stati membri, alle organizzazioni della società civile.   

 

La dichiarazione congiunta rilasciata lo scorso 3 luglio dal Commissario europeo Avramopoulos e i Ministri degli Interni di Italia, Francia e Germania alimentano queste preoccupazioni. I Ministri dovranno discutere della minaccia italiana di impedire alle navi di salvataggio di attraccare nei porti europei e dell’introduzione di un codice di condotta obbligatorio per le Ong che minerebbe la loro capacità di prestare immediato soccorso in mare, per esempio vietando il trasferimento dei naufraghi sulle imbarcazioni delle Guardie Costiere e di Frontex.

 

È fondamentale evitare qualsiasi restrizione che possa ostacolare la capacità delle Ong e di qualsiasi altro attore di rispondere all’imperativo umanitario di salvare vite umane in pericolo” dichiara Francesco Petrelli, portavoce di CONCORD Italia. “Riscrivere le regole di ingaggio per le Organizzazioni della società civile non dovrebbe compromettere gli obblighi internazionali e i Trattati ratificati da tutti i paesi dell’Unione Europea. Se l’Ue è convinta della necessità di un codice di condotta, allora esso deve essere discusso con tutte le parti in causa, in particolare con le Ong e le organizzazioni umanitarie”.

 

Nella sola Italia, il numero degli sbarchi per i primi 5 mesi del 2017 ha raggiunto quota 60228. 6896 migranti sono stati ricollocati dall’Italia dal momento del lancio del programma di ricollocamento adottato dal Consiglio nel settembre 2015. È urgente arrivare ad un accordo equo a livello europeo. Le migliaia di donne, uomini e bambini che scappano da guerre, povertà e persecuzioni non possono pagare il prezzo del disaccordo interno all’Europa sui ricollocamenti. La risposta dell’UE deve basarsi su decisioni chiare e realistiche che garantiscano il ricollocamento all’interno di tutti gli Stati membri. Nessun paese di approdo può essere spinto – in assenza di una iniziativa europea comune – a prendere decisioni inaccettabili che minano gli obblighi umanitari.

 

Questa proposta riflette la volontà politica di non affrontare i veri problemi. Uomini, donne e bambini stanno fuggendo da violenza e conflitti mettendo a rischio la propria vita perché gli Stati Membri non si assumono la responsabilità di garantire canali di ingresso legali e sicuri per le persone che necessitano di protezione internazionale. Situazioni drammatiche lungo le coste libiche potrebbero essere evitate, ma un codice di condotta per le Ong che sostituiscono gli Stati Membri che non fanno il loro dovere non è la risposta giusta” ha dichiarato Adeline Mazier, Segretario Generale di Coordination SUD, la piattaforma nazionale francese membro di CONCORD Europe.

 

Torna alla sezione News -
Taggato con: ,
Pubblicato in News
Un commento su “Fermare i salvataggi in mare delle ONG, l’ennesima sconfitta della politica europea
  1. Giorgio Beltrami scrive:

    Buongiorno le mie parole non risolveranno il problema ma vorrei che i Politici andassero ogni anno 1 mese x 30 anni in Africa ,avrebbero capito tutti i miliardi buttati e , forse, avrebbero capito cosa è come fare . Aiutarli al loro paese insegnando a lavorare ,gestire le loro risorse ,sanità e scuole. Nulla è stato fatto ( diciamo molto poco ) questoli è il risultato di politiche da incompetenti dove è sempre prevalso l’interesse personale e di altri …… .Neanche usato il sistema io ti aiuto in cambio dei Tuoi prodotti . Nei loro paesi non entri se non hai rispettato le loro regole anzi in carcere ti mettono ,noi prendiamo tutti. Tutti a piangere per i morti dovuti a barconi rovesciati ecc. ( scelte fatte da loro) e dei migliaia di bambini che muoiono per malaria? Con pochi euro potresti salvarli tutti , non hanno i soldi per acquistare la medicina. Su qui migliaia di morti nessuno ne parla . E tutti quei milioni di euro/dollari dati per aiuti e intascato dai governi locali ? QUALCUNO DOVREBBE CHIEDERE SCUSA E ANDARSENE. Giorgio Beltrami

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Rispondi al quesito: − 1 = sette

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

SONDAGGIO

Cosa pensi della proposta governativa fatta alle ONG di intervenire nei centri di detenzione in Libia?

  • Dovrebbero rifiutarsi categoricamente e non farsi strumentalizzare (72%, 278 Votes)
  • Dovrebbero accettare perchè questa è parte integrante della loro mission (28%, 110 Votes)

Total Voters: 388

Loading ... Loading ...
Scarica qui la nostra nuova guida sulla Teoria del Cambiamento