Operare nei centri di detenzione in Libia, la “proposta indecente” del governo alle ONG

E’ questa la prima reazione di molti operatori del mondo non governativo alla proposta avanzata dal VM Mario Giro di coinvolgere le ONG italiane in attività nei centri di detenzione libici che possano essere utili a ridurre sofferenze e salvare vite umane delle migliaia di migranti trattenuti nel paese. Non ancora rimarginata la ferita inferta al mondo delle ONG dalla stretta operata dal ministro Minniti e le polemiche sul codice di condotta per le ONG nel Mediterraneo, dopo la collaborazione con la Guardia costiera libica e la riduzione dei flussi verso il nostro Paese, il governo cerca di voltare pagina mandando in avanscoperta il suo rappresentate più “vicino” alla società civile che convoca le ONG lo scorso 7 settembre a Roma.

 

L’Italia vuole intervenire nei “campi di detenzione” in Libia, attraverso le ONG, per migliorare le condizioni dei migranti trattenuti. Lo ha detto all’ANSA il viceministro Mario Giro, confermando il piano proposto alle organizzazioni. “Tra brevissimo, entro settembre” sarà messo a bando uno stanziamento di 6 milioni di euro della Cooperazione italiana, ha aggiunto Giro, spiegando che “anche le autorità libiche saranno totalmente coinvolte, chiedendo loro di farci accedere”. Il progetto prevede di cominciare a Tripoli, per “poi allargarsi” ad altre parti della Libia, “prima fornendo aiuti dall’esterno, con cibo, beni di prima necessità, kit medici, coperte, materassi e letti, per poi piano piano mettere un piede nella porta” dei campi, “fino ad arrivare a gestirli”, ha spiegato il viceministro. “Ci sono però due condizioni: che sia garantita la sicurezza e che le autorità libiche concedano i permessi”, ha sottolineato Giro, precisando che “c’è un negoziato in corso”.

 

All’incontro svoltosi al MAECI con il VM Mario Giro e la Direttrice dell’AICS Frigenti hanno partecipato le reti di rappresentanza delle ONG oltre che diverse singole organizzazioni. Si è parlato nello specifico di una dotazione per la Libia di 9 milioni di euro ai quali dovrebbero aggiungersi ulteriori 2 milioni del Piano Africa. 4,5 milioni sarebbero già stati assegnati alle organizzazioni internazionali (OMS, PAM, UNICEF e UNOPS). A breve l’AICS promuoverà un bando per i rimanenti 6,5 milioni con la procedura ordinaria dei progetti di emergenza. L’obiettivo del bando sarebbe quello di sostenere attività nei centri di detenzione per implementare quelle attività utili a ridurre sofferenze e salvare vite umane.
A partire dal 10 settembre sarà inviato a Tripoli un responsabile dell’ufficio di Tunisi dell’Agenzia per la Cooperazione allo sviluppo.
I centri di transito sono al centro dell’attenzione anche per le Nazioni Unite. Ghassan Salamé, inviato Onu per la crisi in Libia, ha fatto sapere che entro fine settembre verranno inviati in Libia circa 250 caschi blu.

 

Il primo a rendersi conto della “proposta indecente” è proprio il VM Giro che ieri ha pubblicato un post dal titolo “Per le Ong entrare nei centri di detenzione ora non è rinnegarsi”. “Mi rendo conto che c’é chi ha la percezione che entrare nei centri di detenzione libici, dopo aver lasciato la gestione dei migranti e richiedenti asilo alla guardia costiera libica, possa apparire come una retromarcia, un accontentarsi. Rispetto le posizioni di chi, come MSF, rimane fermo sulla posizione di principio, vista la situazione che si è creata. Ma penso allo stesso tempo che qualcosa bisogna tentare di fare: non possiamo lasciare queste persone al loro destino. La denuncia va bene, ma non deve diventare una rinuncia. E se c’è qualcosa da obiettare, occorre dirlo, discutere, dialogare senza timore. Nessuno cede a nessuno: cerchiamo solo il modo possibile di stare vicini a chi soffre”.

 

Ed è proprio da MSF che arriva il primo rifiuto deciso. “Capiamo la sensibilità del ministero degli Esteri, che pensa alle ONG per gestire i campi in Libia, ma lì operiamo già autonomamente. Non vogliamo farci finanziare da chi genera il problema: sarebbe un controsenso”, così ha dichiarato il responsabile Advocacy Marco Bertotto.

 

Inutile dire che a molti la proposta suona strumentale, un tentativo di caratterizzare con sembianze umanitarie l’intervento in Libia, che presto sarà un vero e proprio intervento militare con il dispiegamento di forze ONU, oltre alla già presente missione EUBAM Libia. La connotazione umanitaria sarebbe garantita dall’OIM (per i rimpatri), dall’UNHCR (al quale è stato chiesto di prendere in gestione i centri) ed dal coinvolgimento delle ONG.

 

Ora la patata bollente è di nuove nelle mani delle ONG che dopo il dilemma sulle operazioni di salvataggio in mare si trovano davanti alla “proposta indecente” del governo. Anche in questo caso non mancheranno posizioni diverse e ulteriori spaccature tra chi considera questa proposta accettabile e chi una ulteriore strumentalizzazione.

 

La parola ora spetta a voi, agli operatori del settore. Le ONG dovrebbero accettare la proposta governativa di intervenire nei centri di detenzione in Libia?

Potete esprimere la vostra opinione nel sondaggio pubblicato nella barra in alto a destra >>

 

Torna alla sezione - VISUALIZZA SOLO SONDAGGI, News -
Taggato con: , , ,
Pubblicato in - VISUALIZZA SOLO SONDAGGI, News
2 commenti su “Operare nei centri di detenzione in Libia, la “proposta indecente” del governo alle ONG
  1. maurizio angeloni scrive:

    perchè indecente? nel 2012, post gheddafi e quiandi situazione non chiara politicamente (11 settembre uccsione amb amnericano a Bengasi) vi lavorano americani francesi tedeschi e italian( cesvi), anzi la Cooperazione Italiana le supervisionava –da 1 settembre a 31 dicembre 2012 ero esperto MAE a contratto con Ambasciata a Tripoli….non solo ma sebbene fosse un lòavoro difficil, le ong , e tra le prime quelle italiane, facevano un lavoro veramente encomiabile

  2. beppe scrive:

    A Firenze mi dicevano che ” è sempre meglio di un cazzotto in un occhio”. E’ visto che c’è questo da fare ,si fa. Mica si può stare a pescare gente per sempre. Si va li e si lavora con quello che c’è. Si comincia. Coperte e kit medicinali a parte (vabbè..) ci si sforzi di unire le energie in un progetto comune (progetti vari) per ricostruire tutto a partire dai centri di detenzione. Ci si adoperi per avere una forte presenza di operatori di campo capaci di creare sviluppo. L’emergenza continua a me piace poco.

1 Pings/Trackbacks per "Operare nei centri di detenzione in Libia, la “proposta indecente” del governo alle ONG"
  1. [...] Non basterà certo il finto umanitarismo del governo a ribaltare il giudizio sugli effetti deleteri, per le persone che sono state coinvolte, ma anche per il senso di indifferenza che si è alimentato nell’opinione pubblica, dopo la messa  in opera degli accordi tra Italia e governo di Tripoli. Non è vero che i centri di detenzione in Libia sono stati aperti all’ingresso di operatori dell’UNHCR e dell’OIM per effetto degli accordi siglati da Minniti. Come si è dimostrato prima, in alcuni di quei centri, gli operatori delle Nazioni Unite ci andavano già da anni, e mai avevano rilevato situazioni così terribili, come sono emerse negli ultimi rapporti successivi agli accordi del 2 febbraio scorso tra Italia e governo di Tripoli. Adesso si dovrà vedere con quali risultati  e garanzie di sicurezza si darà esecuzione ai progetti del governo italiano di inviare alcune ONG convenzionate in tre centri libici per migliorare la condizione dei migranti che vi sono trattenuti a forza, contro la loro volontà, trattati come migranti “illegali”. MSF , che pure ha già una sua missione in Libia e conosce assai bene quei territori ha già fatto sapere che non parteciperà all’iniziativa promossa dal ministero degli esteri. [...]

Rispondi a maurizio angeloni Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Rispondi al quesito: − 4 = cinque

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>