Overseas – Capo Progetto – Territori Occupati Palestinesi

La ONG Overseas sta selezionando un/a Capo progetto da inserire nella sua operatività nei Territori Occupati Palestinesi. Durata contratto 6 mesi, rinnovabili fino a 18. Scadenza per le candidature 20 settembre 2017

 

 

Capo Progetto
Posizione: Espatriato senior – Awareness Coordinator
Sede di Lavoro: Territori Occupati Palestinesi, Cisgiordania. Uffici di progetto: East Jerusalem.
Lingua: Inglese, arabo
Settore/Area Intervento: Ambiente, rifiuti, educazione, igiene
Disponibilità: 18 mesi
Scadenza candidature: 20/09/2017
Partenza cooperante: seconda metà ottobre 2017
Durata: contratto: 6 mesi rinnovabili fino a 18.

 

DESCRIZIONE: La ricerca si inquadra nell’ambito del progetto “Miglioramento dell’ambiente e delle condizioni igieniche della comunità del campo rifugiati di Shua’fat” ENI/2015/359-899. Il progetto, di Overseas in consorzio con la ONG CESVI (Capo fila), è cofinanziato dall’ Unione Europea.

Il progetto punta a rafforzare il sistema di raccolta rifiuti all’interno del campo al fine di migliorare le condizioni igienico sanitarie della popolazione e le condizioni urbanistiche del campo. Il progetto si sviluppa in due componenti: gestione rifiuti e sensibilizzazione della popolazione/recupero urbanistico.
Il progetto è gestito dal consorzio CESVI – Overseas in una logica di suddivisione delle componenti. Overseas gestirà in particolare la componente di sensibilizzazione della popolazione (scuole, società civile e singole persone) e recupero urbanistico (beautyfication di aree abbandonate e agricoltura urbana)

 

Compiti e responsabilità:
L’espatriato sarà il responsabile di tutta la componente di sensibilizzazione e recupero urbanistico in continuo coordinamento con il capo progetto di CESVI che sarà responsabile del coordinamento, implementazione e gestione del progetto e delle sue attività relative alla componente gestione rifiuti.

 

L’espatriato sarà responsabile di:
Coordinamento e monitoraggio della componente sensibilizzazione e recupero urbanistico. In particolare:
Curare i rapporti con tutte le controparti e attori locali coinvolti, per la realizzazione delle specifiche componenti. Nello specifico dovrà coordinarsi con i partner della società civile Women’s Centre e il Youth Centre of Shufat refugee nella gestione complessiva delle attività: gestione delle comunicazioni interne ed esterne, gestione delle campagne di sensibilizzazione e dell’amministrazione in generale, organizzazione e gestione dei corsi di formazione.
Accompagnare il rafforzamento dei partner locali nel coinvolgimento della popolazione del campo sulle tematiche di progetto, coordinare il lavoro nelle scuole coinvolte, supervisionare la creazione e il funzionamento di comitati di vicinato e facilitare la progettazione partecipata relativa alle aree urbane da riabilitare.
Monitorare, in collaborazione con il capo progetto che le attività delle due componenti mantengano un elevato livello di integrazione

Gestione del personale locale in collaborazione con i partner locali, supervisione e monitoraggio del suo operato.
Gestione delle relazioni con i principali attori istituzionali coinvolti nella realizzazione del progetto, in particolare con il Popular Committee of Shufat refugee camp.
Formulazione dei documenti relativi alla gestione del progetto e trasmissione regolare alla sede Overseas di: Pianificazione operativa annuale e suoi aggiornamenti, Pianificazione trimestrale dei trasferimenti di fondi, Stato d’avanzamento mensile delle attività e delle spese relative, Rapporti intermedi e finali e rendiconti rispettivi secondo la normativa del donatore, Richieste di variazioni in collaborazione con il capo progetto che devono essere approvate dai donatori, Elaborazione materiali divulgativi ed informativi.
Gestione finanziaria e contabile del progetto: formulazione prime note mensili, identificazione degli impegni economici e finanziari necessari per la realizzazione del progetto, raccolta delle offerte necessarie secondo i disciplinari di riferimento per la gestione degli acquisti e dei servizi previsti, effettuazione e autorizzazione degli acquisti di attrezzature e equipaggiamenti.
Gestione e responsabilità dei conti bancari in loco relativi al progetto.
Gestione e responsabilità della macchina di progetto e del ufficio (condiviso con Cesvi).
Elaborazione di rapporti e altri documenti richiesti dal finanziatore e da Overseas.
Pianificazione e gestione delle missioni dei consulenti internazionali.
Seguire e supervisionare la documentazione relativa al progetto e richiesta per l’audit annuale della Palestinian Authority.
Studi di fattibilità ed elaborazione di nuove proposte di progetto concordati con la sede italiana della ONG.
Realizzazione di altri compiti specifici assegnati dalla sede italiana dell’ONG.

 

Requisiti minimi:
Laurea specialistica di secondo livello e/o Master in Cooperazione e sviluppo.
Esperienza di almeno 3 anni di coordinamento di progetti di cooperazione allo sviluppo all’estero, con ruolo di capo progetto (titolo preferenziale pregressa gestione di progetti EU)
Esperienza pregressa nel contesto mediorientale, è gradita esperienza nei Territori Occupati Palestinesi (nello specifico conoscenza del contesto geografico data l’alta mobilità richiesta dalla gestione del progetto)
Ottima conoscenza della lingua inglese scritta e orale, (gradita la conoscenza dell’arabo).
Provata capacità di gestione amministrativa
Provata capacità di pianificazione, gestione e monitoraggio delle attività
Spiccate attitudini al lavoro in team, alla gestione e coordinamento di gruppi di lavoro
Provata capacità di gestione delle relazioni istituzionali, anche ad alti livelli, con autorità e controparti locali, donatori, altre associazioni locali e internazionali.
Buona conoscenza del sistema operativo Windows e dei principali software applicativi (Word, Excel)
Comprovata capacità di scrittura progetti per donatori internazionali (Unione Europea, UN, MAE)
Capacità di redigere relazioni e rapporti narrativi e finanziari.
Capacità di adattamento a condizioni disagiate e a situazioni di forte tensione
Patente di guida (non è prevista la figura dell’autista nel progetto)

 

Per inviare la propria candidatura: mandare CV (contenente almeno tre referenze) e lettera motivazionale a selezione@overseas-onlus.org indicando nell’oggetto: Selezione PALESTINA UE
Verranno contattati solo i candidati preselezionati.
I colloqui si svolgeranno preferenzialmente a Spilamberto (MO) indicativamente durante l’ultima settimana di settembre.
I CV inviati oltre la data di scadenza non saranno presi in considerazione.

 

Torna alla sezione Lavoro -
Pubblicato in Lavoro

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Rispondi al quesito: uno × = 5

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>