Al via i bandi Life, da quest’anno con il concept note

La scorsa settimana è stato pubblicato il bando LIFE 2018 per i progetti tradizionali (categoria che comprende: progetti pilota, progetti dimostrativi, progetti di buone pratiche e progetti di informazione, sensibilizzazione e divulgazione). Per queste tipologie di progetti il bando 2018 prevede alcune differenze importanti rispetto al passato e in particolare, limitatamente ai progetti presentati per sottoprogramma Ambiente, un regime di presentazione delle proposte progettuali in due fasi: in una prima fase tutti i soggetti ammissibili possono sottoporre a valutazione una idea progettuale in forma di concept note, comprendente una descrizione sintetica del progetto. La Commissione valuterà tutti i concept note arrivati in base alla qualità complessiva della proposta e al valore aggiunto del progetto e inviterà i proponenti che avranno ottenuto i punteggi più alti a inviare le proposte complete di progetto. Scadenza concept 12 e 14 giugno 2018

 

La scadenza per l’invio dei concept note è il 12 giugno per i progetti del settore Ambiente e uso efficiente delle risorse e il 14 giugno per i progetti dei settori Natura e Biodiversità e Governance e informazione in materia di ambiente. La Commissione prevede di notificare i risultati di tale valutazione nel mese di ottobre. I proponenti con i migliori risultati saranno invitati a inviare le loro proposte complete verso il mese di gennaio 2019.

I progetti tradizionali del sottoprogramma Azione per il clima per il 2018 mantengono il regime a una sola fase, come i bandi degi anni passati: la scadenza per la presentazione delle proposte, per tutti i settori d’azione, è il 12 settembre.

 

SOTTOPROGRAMMA AMBIENTE
Settori di azione prioritari:
1) Ambiente e uso efficiente delle risorse
Questi progetti devono contribuire all’attuazione, aggiornamento e sviluppo della politica e della legislazione ambientale dell’UE, compresa l’integrazione dell’ambiente in altre politiche, contribuendo così allo sviluppo sostenibile. Le azioni finanziate devono avere un valore aggiunto europeo ed essere complementari a quelle finanziate da altri fondi dell’UE nel periodo 2014-2020.

 

Priorità tematiche:: a) acqua e ambiente marino, b) rifiuti, c) efficienza nell`uso delle risorse -compresi suolo e foreste- e economia verde e circolare, d) ambiente e salute, compresi le sostanze chimiche e il rumore
e) qualità dell`aria ed emissioni, compreso l`ambiente urbano, (i temi specifici sono precisati nel programma di lavoro pluriennale 2018-2020)

 

2) Natura e biodiversità
Questi progetti devono contribuire allo sviluppo e attuazione della politica e della legislazione dell’UE nelle aree della natura o della biodiversità. Sotto-settori: a) Natura b) Biodiversità
Per questo settore il bando finanzia progetti di buone praticheprogetti pilota e progetti di dimostrazione che contribuiscono all’attuazione della direttiva sugli uccelli selvatici e della direttiva Habitat, oppure della strategia UE per la biodiversità e allo sviluppo, attuazione e gestione della rete Natura 2000.

 

3) Governance e informazione in materia ambientale
Questi progetti devono contribuire allo sviluppo e all’attuazione della politica e della legislazione ambientale dell’UE; devono avere un valore aggiunto europeo ed essere complementari alle azioni che possono essere finanziate da altri fondi dell’UE nel periodo 2014-2020. Saranno finanziati progetti di informazione, sensibilizzazione e divulgazione che contribuiscano allo sviluppo e all’attuazione della politica e della legislazione ambientale dell’UE. Tali progetti devono avere un valore aggiunto europeo e essere complementari alle azioni che possono essere finanziate da altri fondi dell’UE nel periodo 2014-2020.

 

Priorità tematiche:
a) campagne di informazione, comunicazione e sensibilizzazione; b) attività a sostegno di un processo di controllo efficace e di misure di promozione della conformità in relazione alla legislazione ambientale UE, nonché attività a sostegno di sistemi e strumenti di informazione relativi all`attuazione della legislazione ambientale UE.

 

SOTTOPROGRAMMA AZIONE PER IL CLIMA
Settori prioritari:

  • Mitigazione dei cambiamenti climatici
  • Adattamento ai cambiamenti climatici
  • Governance e informazione in materia di clima

 

Le priorità specifiche del bando 2018 relative alle azioni di questo sottoprogramma sono indicate nelle “Guidelines for applicant” contenute nel relativo “Application Package”.

Di seguito la descrizione delle caratteristiche delle diverse tipologie di progetto finanziate dal bando che rientrano nella categoria di “Progetti tradizionali”:
progetti pilota – progetti che applicano una tecnica o un metodo che non è mai stato applicato e sperimentato prima/altrove, che offrono potenziali vantaggi ambientali o climatici rispetto alle attuali migliori pratiche e che possono essere applicati successivamente su scala più ampia in situazioni analoghe;
progetti dimostrativi – progetti che mettono in pratica, sperimentano, valutano e diffondono azioni/metodologie/approcci nuovi o sconosciuti nel contesto specifico del progetto (ad esempio sul piano geografico, ecologico o socioeconomico) e che potrebbero essere applicati altrove in circostanze analoghe;
progetti di buone pratiche – progetti che applicano tecniche/metodi/approcci adeguati, efficienti e all`avanguardia, tenendo conto del contesto specifico del progetto;

progetti di informazione, sensibilizzazione e divulgazione – progetti volti a sostenere la comunicazione, la divulgazione di informazioni e la sensibilizzazione nell`ambito dei due sottoprogrammi.

 

Entità Contributo

Il contributo massimo per i progetti in generale può coprire fino al 55% dei costi ammissibili di progetto, ad eccezione dei progetti Ambiente-Natura e biodiversità per i quali il contributo può coprire fino al 60% dei osti ammissibili (e che nel caso di habitat o specie prioritarie può essere elevato fino al 75%).

 

Risorse finanziarie disponibili

Sottoprogramma Ambiente: 217.000.000 euro

Sottoprogramma Azione per il clima: 48.739.000 euro così suddivisi
Mitigazione dei cambiamenti climatici: 21.989 milioni
Adattamento ai cambiamenti climatici: 20.750 milioni
Governance e informazione: 6 milioni

 

Scadenza

Sottoprogramma Ambiente
Scadenza invio concept note:
Ambiente e uso efficiente delle risorse: 12 giugno 2018
Natura e biodiversità: 14 giugno 2018
Governance e informazione in materia ambientale: 14 giugno 2018

Sottoprogramma Azione per il clima
Scadenza invio proposte complete di progetto (tutti i settori d’azione): 12 settembre 2018

 

Aree Geografiche

UE 28 – Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

 

Modulistica e guidelines

 

Torna alla sezione 06/2018, Bandi, EuropeAid -
Taggato con: ,
Pubblicato in 06/2018, Bandi, EuropeAid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*