Ecco l’identikit del prossimo bando globale EIDHR

I funzionari europei dell’unità B1 di DEVCO hanno presentato recentemente alle organizzazioni della società civile gli sviluppi previsti per il programma EIDHR, European Instrument for Democracy and Human Rights, da qui alla fine del 2018. Il programma verrà implementato anche quest’anno attraverso una call for proposals globale, uno strumento dedicato ai difensori dei diritti umani, le call for proposals paese e alcuni direct awards (alle organizzazioni internazionali o dove le call locali non sono possibili). Il bando globale dovrebbe uscire tra agosto e settembre 2018 con una dotazione finanziaria di circa 22 milioni di euro, confermata la modalità in due fasi (concept note+full proposal)

 

 

Restano quasi invariati gli obiettivi del programma:

Obiettivo 1: sostegno ai difensori dei diritti umani e dei diritti umani nelle situazioni in cui sono più a rischio

Obiettivo 2: sostegno ad altre priorità dell’UE in materia di diritti umani

Obiettivo 3: sostegno alla democrazia

Obiettivo 4: osservazione elettorale dell’UE

Obiettivo 5: sostegno a attori e processi chiave mirati, compresi strumenti e meccanismi internazionali e regionali in materia di diritti umani

 

Principali caratteristiche del bando globale

Obiettivo: sostenere la società civile nella protezione e promozione dei diritti umani e delle libertà fondamentali in tutto il mondo.

Lotti del bando:

  • Difensori dei diritti umani (focus su LGBTI)
  • Pena di morte
  • Attivismo civico: sfruttare le nuove tecnologie

Budget provvisorio: 22 milioni di euro

Durata dei progetti: 24 – 48 mesi

 

LOTTO 1: Supporto ai difensori dei diritti umani (LGBTI) – 10 milioni

Forte impegno dell’UE per il pieno godimento dei diritti umani da parte di persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali (LGBTI).

Piano d’azione dell’UE sui diritti umani e la democrazia (azione 9 rinvigorente sostegno allo sviluppo delle risorse umane, azione 16 non discriminazione)

Linee guida dell’UE per promuovere e proteggere il godimento di tutti i diritti umani da parte delle persone LGBTI e del relativo kit di strumenti.

La UE è il principale donatore in tutto il mondo su questi tema, ma molte sfide restano ancora all’orizzonte in diversi paesi: nessun posto sicuro per le persone LGBTI, mancanza di rifugi, spazi ristretti, bisogno di nuovi modi di coinvolgere nuovi alleati, mancanza di strutturazione dei movimenti di base e di supporto per costruire le capacità dei HRD, necessità di creare reti e alleanze, sub-granting e di grant di emergenza, azioni di advocacy, monitoraggio e valutazione.

 

LOTTO 2: Sostegno alla lotta contro la pena di morte – 7 milioni

Forte impegno dell’UE contro l’uso della pena di morte in tutte le circostanze e in tutti i casi sulla base dell’Azione 13 del piano d’azione dell’UE sui diritti umani e la democrazia e delle Linee guida dell’UE sulla pena di morte (aggiornamento 2013).

Anche su questo tema la UE è il principale donatore in tutto il mondo (sostegno finanziario alle OSC). Si registra una tendenza internazionale verso l’abolizione ma resta ancora lavoro da fare (+ -1000 esecuzioni e oltre 20.000 persone nel braccio della morte nel 2017). Ancora diffusi i casi di pena capitale per reati non violenti, su minori, su persone affette da malattie mentali, applicata in modo discriminatorio e non trasparente, a seguito di procedimenti che non rispettano gli standard del processo equo. Le risorse dell’EIDHR saranno destinate ai paesi in cui la pena di morte è maggiormente utilizzata e in cui vi è un alto rischio di reintroduzione della pena capitale.

 

LOTTO 3: Attivismo civico: sfruttare le tecnologie digitali – 5 milioni

Questo lotto vuole mostrare l’impegno dell’UE nell’uso della tecnologia nella governance democratica in linea con SDG 16, il nuovo consenso europeo sullo sviluppo, il Documento di lavoro dei servizi della Commissione su Digital4Development e le Linee guida dell’UE sulla libertà di espressione online e offline.

Questo nuovo focus vuole rispondere alle nuove sfide e opportunità delle tecnologie per (i) sostenere pilastri della governance democratica – inclusività, partecipazione, trasparenza, responsabilità (ii) sfruttare le opportunità, contrastare le minacce e resistere alla riduzione dello spazio, online e offline (iii) massimizzare la collaborazione e il networking.

 

Meccanismo sui difensori dei diritti umani (HRD)

Obiettivo: sostenere e consentire ai difensori dei diritti umani di svolgere il loro lavoro e le loro funzioni in contesti in cui sono i più vulnerabili e minacciati.

Bando in due fasi (concept note+full proposal)

Budget provvisorio: 15 milioni di euro

 

Calendario ipotizzato

Pubblicazione bando: agosto / settembre 2018

Sacdenza Concept Note: novembre 2018

Scadenza per le domande complete: aprile 2019

Notifica award: settembre 2019

Contrattualizzazione: entro fine 2019

 

Altre info

Nessuna restrizione sulla nazionalità (richiedenti e co-richiedenti). Le Organizzazioni internazionali non saranno ammissibili. Il cofinanziamento UE potrà arrivare fino al 95%. Il candidato capofila potrà presentare una proposta progettuale da solo o in partnership. E’ necessaria la partecipazione di almeno un’organizzazione locale.

 

Torna alla sezione Bandi, EuropeAid -
Taggato con: ,
Pubblicato in Bandi, EuropeAid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*