Ricerca per categoria: News

NEWS – 8 x mille niente ripartizione – lo Stato si tiene tutto!

Anche quest’anno si ripete il sacco dell’8×1000, il governo Monti non mantiene gli impegni e beffa le organizzazioni che avevano presentato un progetto per richiedere un contributo.

Il fondo da ripartire viene destinato alla protezione civile (provvedimento già preso dal governo Berlusconi) e alla ristrutturazione degli edifici carcerari.
La beffa ancora peggiore è per i contribuenti che si trovano davanti ad una finta scelta quando destinano l’8×1000 in dichiarazione dei redditi. Firmare per una chiesa o lasciare un tesoretto al governo di turno per ripianare i suoi conti in rosso !!! Queste le opzioni disponibili…..

Leggi gli articoli

Pubblicato in News

Finanziamenti per progetti idrici nei PVS – I fondi degli Ambiti Territoriali Ottimali ATO

Alcuni Ambiti Territoriali Ottimali (AATO) hanno sperimentato negli ultimi anni il sostegno a progetti di cooperazione internazionale in campo idrico con le risorse accumulate grazie alla destinazione di una quota della tariffa idrica pagata dagli utenti. Vediamo insieme quali ATO hanno destinato fondi a progetti di cooperazione e quali lo faranno prossimamente attraverso bando pubblico. Leggi altro ›

Pubblicato in News

NEWS – Regione Piemonte – La cooperazione internazionale chiude i battenti

Nella seduta del 1 dicembre 2011, della Commissione Cultura del Consiglio Regionale del Piemonte, la maggioranza di centrodestra ha espresso parere favorevole al disegno di legge di bilancio 2012 che azzera la Cooperazione internazionale“Pur nella consapevolezza delle difficoltà finanziarie del momento, riteniamo inaccettabile la scelta della Giunta Cota di azzerare i fondi della cooperazione internazionale. In questi anni la cooperazione decentrata piemontese ha avviato numerosi progetti di rete che hanno coinvolto gli Enti locali con le associazioni di volontariato e le Ong presenti nella nostra Regione. La totale soppressione dei contributi regionali determinerà l’impossibilità di portare a compimento questi progetti, che toccano la vita di migliaia di persone”, questa la nota emessa da alcuni esponenti del Pd piemontese.
Pubblicato in News, Regione Piemonte

NEWS – La Regione Veneto taglia il bando 2011 per la promozione dei diritti umani

La Regione Veneto ha ridotto del 50% il capitolo di bilancio dedicato alla promozione dei diritti umani e della cultura di pace, si dice nella delibera che si tratta degli effetti dei tagli agli enti locali. Da 600.000 € del 2010 si passa a 300.000. E fino qui c’era da aspettarselo. Quello che lascia perplessi è che a rimetterci siano le iniziative proposte dalla società civile veneta. La Regione infatti riserva i 300.000 € superstiti al finanziamento delle azioni dirette, ovvero quelle decise attraverso Decreti del Dirigente del settore.
Non ci sono più i 158.677 € che l’anno scorso erano stati destinati (attraverso bando pubblico) a sostenere i progetti delle associazioni del territorio su queste tematiche.

Pubblicato in News, Regione Veneto

NEWS – Forum di Busan – Qualità dell’aiuto: molto rumore per nulla?

Da Busan, Iacopo Viciani
Si apre a Busan in Corea del sud, il quarto Forum internazionale sull’efficacia dell’aiuto con l’aspettativa che possa essere l’inizio di una “nuova era per la cooperazione internazionale”, dove Paesi donatori tradizionali, come i Paesi OCSE, i Paesi emergenti, come Cina o Messico, i Paesi in via di sviluppo, le ONG, le altre organizzazioni della società civile e le fondazioni possano accordarsi su un documento che le impegni su alcuni principi comuni per rendere l’aiuto internazionale più efficace.
I tre forum precedenti sull’efficacia erano stati incontri solo a livello governativo tra Paesi OCSE e paesi in via di sviluppo. Oltre a firmare una carta d’intenti c’è l’ambizione di dare finalmente all’aiuto internazionale anche un “organo di governo” che includa tutti gli attori. Ad oggi, non è facile rispondere alla domanda su quale sia luogo legittimo e pienamente rappresentativo dove si possa discutere di aiuto internazionale e assumere delle decisioni. Al livello delle Nazioni Unite c’è un Forum sulla cooperazione allo sviluppo dalla struttura ancora debole ma fino adesso il vero motore del dibatto anche sulle “regole” sull’aiuto è stato l’OCSE/DAC.
Non è facile far coincidere le esigenze e esigenze di un gruppo così differente. Il documento sull’efficacia sui cui si chiuderà il negoziato  è piuttosto generico con pochi impegni evidenti, l’elenco di una serie di principi e l’idea di una struttura di governance. La concretezza sarebbe venuta nei prossimi 6 mesi, in sede di lavoro ”tecnico”.
Alla vigilia dell’apertura, l’accordo è praticamente chiuso su un testo generico in termini d’impegni.  Quello che è chiaro è già un primo fallimento: Cina e India non firmeranno e resta da valutare quanto gli altri attori saranno coinvolti nei prossimi 6 mesi. Se guardiamo agli impegni sottoscritti per rendere l’aiuto efficacie dal 2005, i risultati raggiunti sono stati deludenti anche a fronte di documenti che erano chiari, con impegni precisi e scadenze precise.
Negli ultimi 5 anni l’agenda internazionale dell’efficacia dell’aiuto ha impegnato i sottoscrittori, Paesi OCSE e Paesi destinatari di assistenza internazionale, a raggiungere alcuni obiettivi di riforma gestionale entro il 2010 per ridurre duplicazioni, sprechi e aumentare la trasparenza. I Paesi OCSE hanno raggiunto solo uno dei 10 obiettivi sull’efficacia che avevano sottoscritto. La Danimarca è il Paese che ha raggiunto più obiettivi, seguita dall’Irlanda, dall’Australia e la Svezia con 5 obiettivi, i peggiori sono stati la Svizzera ed il Belgio con un solo obiettivo raggiunto. Da un analisi complessiva delle performance sugli impegni dell’agenda internazionale dell’efficacia dell’aiuto, i paesi donatori più attenti sono stati Danimarca, Irlanda, Svezia, Regno Unito e Finlandia, mentre a partire dal fondo della classifica troviamo Grecia, Lussemburgo, Belgio, Francia e Italia.
Nel complesso i risultati dell’Italia sono stati deludenti, soprattutto alla luce del fatto che dal 2008 in poi la cooperazione del nostro Paese ha mitigato i segnali di allarme provocati dai tagli finanziari con un riferimento al miglioramento della qualità, opponendo direttamente qualità e quantità.
In un certo senso l’agenda dell’efficacia dell’aiuto non coincide la qualità, ma più con quella dell’efficienza gestionale. E’ possibile avere un quadro più ampio delle performance sulla qualità analizzando i risultati della seconda edizione dell’indice di qualità dell’aiuto. Anche in questo caso, la cooperazione italiana ha un limitato focus per settori di specializzazione e per paesi, anche se negli ultimi anni è migliorata l’attenzione settoriale settoriale; ha una gestione dell’aiuto pubblico frammentata, limitata trasparenza e quasi totale assenza di valutazioni. Tuttavia i costi amministrativi sono bassi, anche se c’è stato un significativo incremento, ed è aumentata la quantità di aiuto ai paesi più poveri, con una tendenza a ridurre il numero di micro-iniziative.
In generale, l’aiuto risponde ancora troppo poco alle priorità di sviluppo identificate dai Paesi e più della metà è ancora erogato troppo in ritardo. I costi opportunità che le mancate riforme hanno continuato a mantenere a carico dei contribuenti dei Paesi OCSE sono notevoli. Secondo uno studio della Commissione europea, la messa in atto delle dell’agenda dell’efficacia avrebbe consentito di risparmiare almeno 5 miliardi di euro, il 10% dell’assistenza complessiva di tutti e 27 gli Stati membri.
Sull’insieme dei vecchi impegni di riforme per l’efficacia non ancora realizzate, l’accordo che si approverà in Corea non farà altro che riconfermarle in maniera generica almeno fino al 2015, nonostante le forti pressioni dei Paesi in via di sviluppo ad avanzare. Le forti insistenze dei paesi più dipendenti dagli aiuti hanno però evitato che andasse a buon fine il tentativo dei Paesi OCSE- soprattutto dell’Unione Europea, confrontata con l’imbarazzante incapacità di riformare il modo di gestire l’aiuto – di utilizzare il Forum di Busan come occasione per modificare gli impegni pregressi.
* Iacopo Viciani è responsabile del programma sull’aiuto pubblico allo sviluppo italiano per ActionAid e curatore del blog ZeroVirgolaSette di Repubblica.it
Taggato con: ,
Pubblicato in News

NEWS – Ecco i progetti e le ONG finanziate dalla Cooperazione Italiana durante il 2011

Quasi 29 milioni di Euro di impegni approvati dal Comitato Direzionale della DGCS nella 4 sedute del 2011 per co-finanziare i progetti promossi dalle ONG.
La ONG che ha avuto più progetti approvati è il CUAMM con 4 progetti e 2.509.737 Euro. Seguono AISPO con 2 progetti e 2.089.542 Euro e CCM (Centro collaborazione medica) con 2 progetti per 1.981.675 Euro.

Ben 9 organizzazioni hanno avuto l’approvazione di più di un progetto durante l’anno 2011.
La metà delle approvazioni riguardano progetti in ambito sanitario (14.165.917 Euro), seguono i progetti agricoli con quasi 5 milioni.
I paesi per cui sono stati approvati più fondi sono l’Etiopia, il Senegal e il Mozambico.
SCARICA L’ELENCO COMPLETO
n.b: i dati contenuti nell’allegato riguardano le seduete del CD della DGCS di Marzo, Giugno, Luglio e Settembre 2011.
Pubblicato in News

NEWS – GLI EUROPEI E L’AIUTO ALLO SVILUPPO: i cittadini dicono sì e i governi tagliano!

E’ stato pubblicato alcuni giorni fa il sondaggio di Euro-barometro “Making a difference in the world: Europeans and the future of development aid“. L’indagine sugli europei e il futuro degli aiuti allo sviluppo è stata condotta nei 27 Stati membri nel settembre 2011, intervistando 26.856 europei dai 15 anni in su. Lo scopo dello studio è quello di fornire un quadro aggiornato del gradimento da parte degli europei sugli aiuti allo sviluppo e sul futuro della cooperazione allo sviluppo in vista della Conferenza di alto livello sull’efficacia degli aiuti che si svolgerà a Busan a partire da martedì prossimo. L’85% degli europei considerano importante l’aiuto alle popolazioni più povere.
Continua a leggere… 

Pubblicato in News

NEWS – EuropeAid – Statistiche di successo dei bandi 2009 e 2010

Prima di presentare un Concept Note o una proposta progettuale sui bandi di EuropeAid è sempre utile farsi un’idea di quante possibilità ci sono che il nostro progetto arrivi all’approvazione. Per chi in queste settimane abbia presentato una proposta o la stia per presentare pubblichiamo le statistiche dei bandi principali di EuropeAid che hanno avuto scadenza nel 2009 e 2010. Il trend generale dice che il numero di proposte nella fase Concept Note è in aumento su quasi tutti i bandi e la percentuale di successo diminuisce drasticamente. Insomma, una competizione crescente che si può vincere solo affinando le armi della progettazione.
Pubblicato in EuropeAid, News

NEWS – Regione Lombardia – Slitta l’uscita del prossimo bando per i progetti di cooperazione

Come anticipato alcune settimane fa è arrivata la conferma di uno slittamento a gennaio 2012 dell’uscita del bando per il co-finanziamento di progetti di cooperazione internazionale della Regione Lombardia.
Per le ONG interessate è comunque opportuno continuare a lavorare sulla progettazione visto che i criteri sono già stati pubblicati. Una volta uscito il bando ci saranno solo 45 giorni per la presentazione delle proposte.

Pubblicato in News, Regione Lombardia

NEWS – EuropeAid – Aggiornamento date di uscita dei prossimi bandi

E’ stato aggiornato dalla Commissione il calendario previsionale di uscita di alcuni bandi molto attesi dalle ONG. 

Vediamo i dettagli e le date previste:
1 Novembre 2011 – Investing in People – Gender – Strenghtening protection and promotion of women’s rights and women’s social and economic empowerment (scadenza concept note 19 Dicembre 2011)
1 Novembre 2011 – NSA and LA in Development, Objective 1, Actions in partner countries (Multi-country interventions) for Non-State Actors (scadenza concept note 20 Dicembre 2011)
1 Novembre 2011 – NSA and LA in Development, Objective 1 amd 2, Local Authorities in Development (scadenza concept note 1 Febbraio 2012)
15 Novembre 2011 – Food security, Participation for governance (scadenza concept note 16 Gennaio 2012)
1 Dicembre 2011 – ACP-EU Water Facility – Sanitation in the poor peri-urban and urban areas (scadenza concept note 16 Gennaio 2012)

Daremo notizia di questi bandi non appena saranno pubblicati.

Pubblicato in EuropeAid, News

NEWS – Ritardo esito bandi Comune di Milano 2010

Ultime informazioni dal Comune di Milano ci dicono che gli esiti dei bandi “MILANO PER LA DIFESA, INCREMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA BIODIVERSITA’” e “MILANO PER IL CO-SVILUPPO” CONTRIBUTI A FAVORE DELLA SOLIDARIETA’ E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2010 tarderanno di qualche mese. La fine della fase di valutazione, inizialmente prevista per ottobre, slitterà in avanti e di conseguenza l’avvio dei progetti vincitori.
Nel frattempo, giovedì 20 Ottobre a Milano (Loggia dei Mercanti –  ore 16.00)  verranno premiati i 12 progetti vincitori del bando “Milano per la sicurezza alimentare 2010”.
Pubblicato in Comune Milano, News

NEWS – EuropeAid – Prossimi bandi Food Security ACP, Asia ed ENPI

Iniziano ad uscire i primi bandi paese sulla linea Food Security (già usciti quelli sul Congo DRC e Madagascar). In preparazione a questi appuntamenti vi segnaliamo il documento interno della UE sul quale saranno calibrati i singoli bandi che le Delegazioni faranno uscire prossimamente. I paesi interessati sono: Congo DRC, Haiti, Liberia, Madagascar, Sudan, Afghanistan, Nord Corea, Pakistan, Palestina. Il budget complessivo ammonta a circa 100.000 milioni di euro.
Pubblicato in News

NEWS – Anteprima bando EuropeAid “Strengthened Governance Approaches for Food Security: “Participation for Governance”

Si tratta di un nuovo bando nel filone Food Security della UE con un focus sulla governance della sicurezza alimentare. Le azioni che saranno eleggibili mirano a rinforzare o creare associazioni di produttori e loro network anche a livello regionale e internazionale.

Il bando coprirà tutti i paesi e saranno possibili azioni multy-country. E’ previsto un co-finanziamento UE di massimo 80%. Il budget a disposizione sarà di 20 milioni. L’uscita del bando è prevista per il 15 Ottobre prossimo.

Objectives of the programme, priorities for 2011 and expected results
In order to make progress on the EU’s commitment towards achieving MDG1, eradicating extreme poverty and hunger by 2015, it is crucial to increase the participation and engagement of various actors of civil society in policy dialogue at national, regional and international levels.
The second strategic priority of the revised FSTP strategy for the period 2011-2013[1] is aimed at “strengthening governance approaches for food security”. This call for proposal will address the sub-priority “participation for governance“, focussing on its fourth expected result: “producers’ organisations and their regional/continental platforms and civil society are participating more effectively in decision-making processes related to food security“.
The specific objective will be to strengthen the capacities of specific groups (farmers’ organisations, pastoralists’ organisations, fishers’ and aquaculture farmers’ organisations) to participate in policy-making, having an impact on food security and nutrition.
Eligibility of the action
This call for proposals will support actions targeting the three groups (farmers’ organisations, pastoralists’ organisations, fishers’ and aquaculture farmers’ organisations) both separately and together in order to provide ample space for the specific needs of each group. Actions must take place at the regional, continental, or global level across several (at least 3) developing countries eligible under this programme. If duly justified, certain project activities, notably in view of transnational exchanges and for networking/coordination purposes, may take place in countries that are not eligible under this programme.
The following activities will be considered for support:
o   The setting up or the reinforcement of networks (or platforms) of farmers’ organisations, pastoralists’ organisations, fishers’ and aquaculture farmers’ organisations at regional, continental or global level, improving their information management, their capacities of strategic thinking, their communication and also the quality of support services to their member organisations.
o   Activities aiming at gaining practical experiences, including with tangible projects for farmers’ organisations, pastoralist’s organisations, fishers’ and aquaculture farmers’ organisations in order to reinforce their capacities to network and to engage in effective dialogue with public authorities and development partners.
Pubblicato in EuropeAid, News

NEWS – EuropeAid – Uscita del bando Development Education Non-State Actors and Local Authorities in Development – Objective 2

E’ attesa per il 1 Ottobre prossimo l’uscita del bando EuropeAid 131141 Development Education Non-State Actors and Local Authorities in Development – Objective 2, ovvero il bando annuale Info/Eas della UE rivolto agli attori non statali tra cui le ONG. Quest’anno il budget disponibile sarà di 55 milioni di euro e i concept note avranno scadenza per il 21 Novembre prossimo. Se il calendario sarà rispettato da EuropeAid i progetti completi (full application) dovranno essere sottoposti entro l’8 marzo 2012. Nei prossimi giorni su BandiONG pubblicheremo tutti i documenti e ulteriori approfondimenti in vista della preparazione delle proposte.
Previsione di uscita del bando

Ecco i progetti italiani che hanno visto la scorsa edizione del bando:

1.       COLLEGIO UNIVERSITARIO ASPIRANTI EMEDICI MISSIONARI ( MEDICI CON L’AFRICA ONLUS) – Equal opportunities for health: action for development
2.       ISTITUTO OIKOS ONLUS – Time to Seed  A Global Action to support the critical role of Sustainable Agriculture to ensure food security and environmental protection,
3.       ASSOCIAZIONE MANI TESE – GRABBING DEVELOPMENT – Towards new  models of North/South relations for a fair  exploitation of natural resources
4.       COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI PAESI EMERGENTI ONLUS- Educating to sustainable and responsible management of  the forests in the world
5.       GRUPPO LAICI TERZO MONDO ASSOCIAZIONE – Education au développement: stratégies territoriales pour un défi global
6.       ACTIONAID INTERNATIONAL ITALIA ONLUS – We won’t accept hunger: Mobilising Europeans on MDG 1  and the Right to Food
7.       TERRA NUOVA CENTRO PER IL VOLONTARIATO ONLUS  -Awareness raising on the relations between  European policies and agricultural development in  Africa
Pubblicato in EuropeAid, News

NEWS – Regione Lombardia – Pubblicati i criteri del prossimo bando per progetti di cooperazione

In attesa dell’uscita del bando (prevista per fine ottobre) sono usciti su gazzetta regionale i critieri di presentazione e selezione delle proposte. Anche quest’anno la presentazione sarà fatta attraverso il modulo on-line.
Criteri

Pubblicato in News, Regione Lombardia