Ricerca per categoria: News

Superare divisioni e competizione, questa la sfida delle ONG nel 2016

A guardarlo nei primi giorni del 2016, il settore dello sviluppo internazionale si trova in una situazione un po’ strana. E’ da sempre costituito da una grande varietà di organizzazioni, grandi e piccole, radicali e conservatrici, ma a mia memoria non riesco a ricordare una situazione più divisa, eterogenea di quella odierna. Con poche eccezioni (per esempio, le recenti campagne in materia fiscale e sui cambiamenti climatici) la maggior parte delle organizzazioni della società civile sembrano occupate a fare le loro cose, in competizione per i fondi come mai fino ad oggi. In un settore teoricamente non-profit, la filosofia di mercato è ormai dominante. Stiamo raggiungendo il culmine di anni di evoluzione da organizzazioni vicine alle comunità a organizzazioni vicine ai donatori, con conseguenze logiche. Leggi altro ›

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Legge 125, i rischi della transizione

Il prossimo 31 dicembre è un giorno importante per la cooperazione allo sviluppo, segna infatti il passaggio definitivo dalla legge 49/87 alla nuova 125/2014. A partire dal 1 gennaio del 2016 entrano quindi in vigore definitivamente le prescrizioni della riforma della cooperazione e vengono abrogati i vecchi articoli della legge che per quasi trent’anni ha regolato questo settore. La transizione non si annuncia semplice poiché, nonostante siano passati oltre 16 mesi dalla pubblicazione in gazzetta ufficiale della nuova legge 125, molti passaggi sono in forte ritardo e si intravvedono all’orizzonte buchi normativi e rallentamenti delle attività in corso. Abbiamo raccolto una serie di preoccupazioni sollevate da diverse organizzazioni e di seguito cerchiamo di fare il punto sulla situazione. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News

Dopo Expo la fame resta un tema sconosciuto a metà degli italiani

Anche dopo l’abbuffata di Expo 2015, in fatto di fame nel Mondo quasi un italiano su due ammette di saperne molto poco, il 39% pensa che a soffrirne siano tra 1,6 e 3 miliardi e una persona su cinque non sa nemmeno indicarne un valore approssimativo. Eppure la fame nel mondo resta tra le priorità indicate dall’opinione pubblica. Al primo posto troviamo il terrorismo internazionale seguito dalla disoccupazione e – praticamente a pari merito – dalle guerre e dalla fame nel mondo. E di Expo 2015, cosa pensano gli italiani? Il 33% pensa sia stata una grande fiera per promuovere prodotti, marche, aziende. Solo il 14% pensa sia stato davvero un momento di riflessione su come risolvere i problemi alimentari del Mondo. Sono questi alcuni dei risultati di un’indagine sulla percezione degli italiani della fame nel Pianeta, delle sue cause e delle possibili soluzioni, realizzata da Mani Tese e AstraRicerche. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

La nostra intervista a Laura Frigenti: l’Agenzia sarà una macchina operativa efficiente

Nelle due settimane successive alla nomina al vertice dell’Agenzia per la cooperazione molti lettori ci hanno scritto per sapere di più su Laura Frigenti, candidata outsider che è riuscita a sbaragliare la concorrenza di 131 contendenti alla carica di direttore. Al di la del suo importante curriculum, pochi sanno qualcosa di Laura Frigenti, anche perchè da oltre vent’anni lavora all’estero, prevalentemente negli States. Una donna di grande esperienza nel settore dello sviluppo internazionale che però nessuno di noi ha mai sentito parlare alle decine e decine di conferenze che hanno accompagnato la lunghissima fase di riforma della cooperazione italiana. Bisogna dirlo, la sua è stata una nomina inattesa che in molti nel nostro settore fanno ancora fatica a digerire. Ma la maggior parte degli operatori della cooperazione apprezzano proprio questo aspetto e si attendono da Laura Frigenti un approccio nuovo e ambizioso per la cooperazione italiana che sappia andare al di la delle dinamiche politiche e diplomatiche e riesca a guardare oltre il piazzale della Farnesina. Ecco cosa ci ha detto sull’Agenzia, sul futuro della cooperazione e delle ONG.

Leggi altro ›

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Una prima fotografia delle risorse umane della cooperazione

Il 54% degli operatori impiegati nella cooperazione sono donne. Di queste l’86% lavorano all’estero e il 14% in Italia. La quota maschile si ferma al 46 % con un 19% di impiegati in Italia e un 81% all’estero. Sono questi i primi dati aggregati dal sito Open Cooperazione sulle risorse umane della cooperazione allo sviluppo in Italia. Una prima fotografia parziale del settore composta dai dati inseriti da oltre 40 organizzazioni Italiane impegnate nella cooperazione e nell’aiuto umanitario. Gli operatori di ONG e Onlus impiegati in Italia sono assunti per il 28,8% con contratti a tempo indeterminato e per il 2,3% a tempo determinato. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in - VISUALIZZA TUTTO, News

A breve la seconda riunione del Consiglio nazionale per la Cooperazione

E’ fissata per il prossimo 9 dicembre a Roma la seconda riunione del Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo, organo istituito dalla legge 125/2014 che ha riformato il sistema della Cooperazione italiana. Il Consiglio è composto da rappresentanti dei principali soggetti pubblici e privati, profit e non profit, del sistema di cooperazione italiana allo sviluppo, ha il compito di favorire la reciproca conoscenza e la formazione di partenariati, nonché di esprimere pareri sulle materie attinenti la cooperazione allo sviluppo ed in particolare sulla coerenza delle scelte politiche, sulle strategie, sulle linee di indirizzo, sulla programmazione, sulle forme di intervento e sulla loro efficacia. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Sorpresa all’Agenzia, nominata Laura Frigenti

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, su proposta del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, ha nominato Laura Frigenti direttrice della nuova Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo. La scelta di Laura Frigenti, arriva venti giorni dopo la presentazione, da parte della commissione esaminatrice, di una rosa di cinque nomi al ministro degli esteri. I cinque candidati alla nomina erano Stefano Bologna, Laura Frigenti, Agostino Miozzo, Eduardo Missoni e Roberto Ridolfi. Nata a Roma e attiva nel settore della cooperazione allo sviluppo dal 1984, Frigenti ricopre da più di un anno il ruolo di vice presidente di InterAction, un’alleanza di oltre 180 ONG basate negli Stati Uniti, Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Cinque motivi per cui i donatori non finanziano direttamente le ONG locali

Poco più dell’1% di tutti gli aiuti ufficiali, e una parte ancora più piccola dei fondi destinati all’assistenza umanitaria, raggiungono direttamente il cosiddetto sud del mondo. Anche le fondazioni private, secondo una ricerca ancora inedita, preferiscono canalizzare la maggior parte dei loro finanziamento attraverso quelli che possiamo chiamare “funder-mediaries” nel nord (intermediari di fondi). Secondo alcuni osservatori questa incapacità dei donatori di supportare direttamente la società civile dei paesi partner creerebbe inefficienze e minerebbe lo sviluppo stesso delle organizzazioni locali. La rete globale Civicus ha dedicato un rapporto annuale a questo tema chiedendo ai principali donor globali perché non sembrano in grado, o non vogliono, finanziare direttamente le organizzazioni locali. Ecco le cinque risposte più frequenti registrate Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News

Il blending cambierà davvero il finanziamento dello sviluppo?

Fernando Frutuoso De Melo, direttore generale DEVCO della Commissione europea, ha sostenuto di recente che l’esperienza di fusione di fondi istituzionali pubblici e privati (il cosiddetto blending), come nuova politica dei finanziamenti per lo sviluppo, ha dimostrato ottimi risultati. De Melo, ospite a un evento organizzato dall’European Policy Centre (EPC), ha spiegato che con circa 2 miliardi di euro di fondi, la Commissione ha sfruttato poco più di 19 miliardi di euro dalle banche di investimento per lo sviluppo locale ed europeo, che hanno innescato a loro volta un investimento di circa 42 miliardi di euro. “Eccellente! Abbiamo avuto un effetto moltiplicatore di ben 20 volte. Vogliamo fare di più in questa direzione!” ha riferito. Leggi altro ›

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Cosa sarà il Fondo fiduciario di emergenza per l’Africa

Oggi e domani al vertice sull’immigrazione de La Valletta si deciderà, tra le altre cose, delle sorti del “Fondo fiduciario di emergenza per la stabilità e per la risoluzione delle cause strutturali della migrazione irregolare e l’aiuto agli sfollati in Africa”. Nelle sue intenzioni questo Fondo, rinominato in breve “Fondo fiduciario europeo d’emergenza per l’Africa” è un meccanismo finanziario utilizzato per mettere in comune risorse di grandi dimensioni da differenti donatori. Ad oggi però il Fondo parte con una dotazione di 1,8 miliardi di euro su 5 anni messi sul tavolo dalla stessa UE. In realtà non si tratta neanche di “soldi nuovi”, circa 1 miliardo proviene dal Fondo Europeo di Sviluppo (11 EDF). La Commissione si aspetta una contribuzione ulteriore da parte degli Stati membri, ad oggi le contribuzioni volontarie annunciate non raggiungono 50 milioni. Ma come funzionerà questo meccanismo e che tipo di progetti andrà a finanziare nei 23 paesi africani che dovrebbero beneficiarne? Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Ecco la rosa dei cinque candidati alla direzione dell’Agenzia

La DGCS ha reso nota la rosa di nomi sottoposti al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni dalla Commissione incaricata di selezionare le candidature ai fini della nomina del direttore della futura Agenzia per la cooperazione allo sviluppo. L’ultima fase della selezione vedrà la nomina del direttore a insindacabile giudizione del Ministro. Stefano Bologna, Laura Frigenti, Agostino Miozzo, Eduardo Missoni e Roberto Ridolfi, questi i nomi sul tavolo del ministro degli Esteri. Ecco chi sono i cinque finalisti Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Dalla Corte dei Conti un’altra mazzata sull’8 per mille

In estrema sintesi il commento dei giudici contabili si concentra su tre punti: carenza dei controlli, gestione arbitraria da parte dello Stato e anomalie che favoriscono la Chiesa Cattolica. Questa volta la Corte chiede un intervento istituzionale mettendo sotto accusa gli esecutivi che hanno utilizzato questi fondi per “mettere a posto” i conti pubblici. Si prospetta l’adozione del modello spagnolo con il quale il contribuente s’impegna per la percentuale effettiva della propria imposta che, nel caso in cui non venga espressa alcuna preferenza, resta a disposizione dello Stato. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News, Presidenza Consiglio 8x1000

Etica e comunicazione, l’AOI propone un tavolo multi-stakeholder

Se c’è un tema che negli ultimi anni ha sempre animato il dibattito, anche su questo blog, degli operatori della cooperazione, è proprio quello dell’etica della comunicazione. L’utilizzo delle immagini nella raccolta fondi e la narrazione complessiva che le ONG veicolano del cosiddetto sud del mondo è uno dei dibattiti più spinosi del settore. Da un lato i fautori del “fine giustifica i mezzi” e dall’altra chi, invece, bolla questo modo di comunicare come “pornografia del dolore”. Fino ad oggi però abbiamo letto opinioni dell’una e dell’altra parte senza trovare il modo di passare all’azione. Eppure la necessità di trovare un codice di condotta comune è ormai riconosciuta da tutti gli attori che intervengono in questi ambiti, cooperanti, dirigenti e operatori delle ONG, agenzie di comunicazione, creativi, fundraiser, fotografi, giornalisti e copywriter. Una proposta inclusiva per arrivare a un codice di condotta o al codice di autodisciplina della comunicazione valido sia per le organizzazioni profit che non profit, arriva dall’AOI, Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Proroga missioni e cooperazione, ecco il dettaglio delle approvazioni del CDM

Il Consiglio dei ministri del 12 ottobre scorso ha approvato la proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia e le iniziative di cooperazione allo sviluppo. Il decreto legge contempla anche il sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione. È autorizzata da ottobre a dicembre 2015 la spesa di 38.500.000 a integrazione degli stanziamenti per iniziative di cooperazione volte a migliorare le condizioni di vita della popolazione e dei rifugiati e a sostenere la ricostruzione civile in favore di Afghanistan, Etiopia, Repubblica Centrafricana, Iraq, Libia, Mali, Niger, Myanmar, Pakistan, Palestina, Siria, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Yemen e, in relazione all’assistenza dei rifugiati, dei Paesi ad essi limitrofi nonché per contribuire a iniziative europee e multilaterali in materia di migrazioni e sviluppo. Ecco il dettaglio delle approvazioni. Leggi altro ›

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Migrazioni e SDGs, le ONG chiedono un impegno a Gentiloni

I ministri dello sviluppo dell’UE si riuniscono oggi a Lussemburgo nel Consiglio “Affari esteri”. All’ordine del giorno ci sono le questioni umanitarie, l’emergenza migratoria e lo sviluppo delle relazioni fra l’Ue e i Paesi Acp (Africa, Caraibi e Pacifico). Si prevede inoltre che i ministri adottino delle conclusioni sul piano d’azione dell’UE sulla parità di genere e l’emancipazione femminile nella cooperazione allo sviluppo. Ma il tema ancora caldo sarà sempre quello delle migrazioni. I ministri dovranno valutare i progressi compiuti nella creazione del “fondo fiduciario di emergenza per la stabilità e la lotta contro le cause profonde della migrazione irregolare in Africa”, fondo che dovrebbe promuovere opportunità sociali ed economiche nei paesi africani per gestire meglio la migrazione. In occasione di questo consiglio Concord, insieme alle rappresentanze italiane delle ONG, ha inviato una lettera al Ministro Gentiloni chiedendo un impegno importante dell’Italia sui temi in discussione. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News