Ricerca per categoria: News

Nasce Facebook for Nonprofits, il nuovo mondo per il fundraising online

Il mondo dei social network non smette mai di rinnovarsi e di introdurre nuove funzionalità per ampliare il proprio pubblico. Il più dinamico è sicuramente Facebook che, dopo l’introduzione del live streaming e delle “reazioni” ai post, da qualche giorno è disponibile anche in versione Non Profit. E’ nato infatti “Facebook for Nonprofits”, una pagina dedicata alle organizzazioni non governative che vogliano ampliare la propria visibilità, raccogliere fondi per i progetti direttamente attraverso la pagina dedicata alla loro attività e promuovere campagne di sensibilizzazione: tutti i post condivisi consentiranno infatti agli utenti di effettuare una donazione senza intermediazione. Leggi altro ›

Pubblicato in News

L’Agenda 2030 può salvare l’Europa?

L’Unione europea sta attraversando un’importante crisi a livello politico. La sua capacità di attuare riforme interne e la sua posizione di potenza mondiale sono gravemente minate da forze centrifughe e il rischio disintegrazione dell’Unione è sempre più alto. Euroscetticismo e populismo abbondano in tutti i paesi; le reazioni ai flussi migratori degli ultimi anni rendono evidente che la solidarietà tra gli Stati membri è ormai un ricordo del passato; la crisi dell’euro ha esacerbato le tensioni sociali e le disparità di potere economico in tutto il continente. L’Europa ha un disperato bisogno di una nuova e positiva narrazione per il suo sviluppo futuro, una storia che coinvolga di nuovo i cittadini europei e presenti l’Europa come una forza costruttiva per lo sviluppo nazionale e per quello globale sostenibile. Leggi altro ›

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Se gli aiuti finiscono per finanziare sicurezza e assistenza ai rifugiati

I governi di tutta Europa stanno convergendo verso l’idea di utilizzare le scarne risorse stanziate per l’aiuto allo sviluppo per coprire i costi di sicurezza e assistenza ai rifugiati a casa nostra. E’ questo l’orientamento che emerge da diversi ambiti, non ultimo il Consiglio europeo riunitosi per affrontare il dirompente tema delle migrazioni verso il vecchio continente. Diversi Stati membri propongono infatti che le risorse destinate all’aiuto ai paesi più poveri possano essere utilizzato per “prevenire l’estremismo violento” attraverso costi di formazione delle forze di polizia e di sicurezza o per “assistere i richiedenti asilo” che si riversano ogni giorno in Europa attraverso i Balcani e il mediterraneo. Leggi altro ›

Taggato con: ,
Pubblicato in News

SDGs, serve un piano nazionale di attuazione

Il 2015 è stato l’anno degli accordi globali. Con l’Agenda 2030 i governi di tutto il mondo promettono di “trasformare il mondo” e per questo si sono dati degli obiettivi universali, gli SDGs appunto. La sfida è quella di concretizzare questi 17 obiettivi in politiche realmente “trasformative” nell’interesse di tutti, politiche che sfidino il concetto di crescita macroeconomica, che si prendono cura delle nostre risorse naturali con una prospettiva a lungo termine, politiche che rafforzano i diritti umani con l’obiettivo di non lasciare nessuno indietro. E’ partita le sfida al “business as usual”, che nel frattempo sembra essere l’approccio dominante, soprattutto in Italia dove, al netto della partecipazione all’assemblea ONU di scorso settembre, nulla sembra muoversi su questo fronte. Leggi altro ›

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Come iscriversi all’elenco della legge 125

Due settimane fa sono state rese note dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione (AICS) le modalità d’iscrizione all’elenco delle organizzazioni non profit della società civile riconosciute soggetti della cooperazione allo sviluppo. Le organizzazioni che vogliono iscriversi all’elenco dovranno presentare una serie di documenti a supporto della richiesta che può essere effettuata in qualunque momento dell’anno. Diversa la procedura per le ONG già idonee alla data del 31 dicembre scorso che prevede la presentazione di una semplice domanda entro il prossimo 1 marzo. Vediamo nel dettaglio cosa è necessario fare per ottenere l’iscrizione all’elenco. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in Agenzia Cooperazione (AICS), DGCS-MAECI, News

Eleggibilità dei soggetti della cooperazione, cambiare tutto per non cambiare niente!

Il Comitato congiunto per la cooperazione allo sviluppo riunitosi la scorsa settimana ha varato le attese linee guida che regolano l’eleggibilità delle organizzazioni della società civile e gli altri soggetti senza finalità di lucro ai sensi della nuova legge 125. Si tratta nello specifico delle modalità con cui i diversi soggetti potranno iscriversi all’elenco dei soggetti senza finalità di lucro previsto dall’art. 26 della legge e dal decreto ministeriale 113/2015, quello che di fatto sostituisce l’idoneità delle ONG della legge 49/87. Sarà un elenco unico che vede un’iscrizione quasi automatica per le ONG già idonee al 31 dicembre scorso e descrive i requisiti richiesti per gli altri soggetti. Di fatto per essere iscritti nell’elenco servono gli stessi requisiti e la stessa documentazione che era richiesta per ottenere l’idoneità ONG. Leggi altro ›

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in Agenzia Cooperazione (AICS), DGCS-MAECI, News

E’ Mario Giro il nuovo Vice Ministro con delega alla Cooperazione

Un’altra nomina inattesa nella compagine governativa della nuova Cooperazione italiana. Dopo Laura Frigenti all’Agenzia per la Cooperazione arriva la nomina di Mario Giro a Vice Ministro degli esteri con delega alla Cooperazione. Le voci di palazzo infatti davano per certo da mesi che sarebbe stato Enzo Amendola a prendere il posto vacante del MAECI dopo il passaggio di Lapo Pistelli all’ENI. Nell’ambito del così detto mini-rimpasto renziano, Mario Giro passa quindi da sottosegretario al ruolo di Vice Ministro ed Enzo Amendola entra comunque al MAECI con il ruolo di sottosegretarioLeggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Bill Gates, filantropo o promotore delle multinazionali?

Alla vigilia del forum di Davos un report controverso della ONG inglese Global Justice Now accusa la Gates Foundation di manipolare le priorità dell’aiuto internazionale promuovendo di fatto la globalizzazione delle multinazionali. L’ex patron di Microsoft è tra le persone più ricche della terra, in vetta a quella lista presentata ieri da Oxfam dei 62 ricchi che detengono la stessa ricchezza di 3,6 miliardi di persone, ossia la metà più povera della popolazione mondiale. La sua attività filantropica per debellare le malattie killer, educare e nutrire i più poveri del pianeta gli hanno fatto guadagnare applausi e consenso a livello globale. Nonostante questo, Bill e Melinda Gates si trovano ad affrontare una serie di critiche importanti che riguardano la loro fondazione filantropica, attraverso la quale hanno donato miliardi di dollari in tutto il mondo. Un rapporto recentemente pubblicato chiede che l’attività della Gates Foundation sia oggetto di un’indagine internazionale da parte di OCSE e parlamento inglese. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Superare divisioni e competizione, questa la sfida delle ONG nel 2016

A guardarlo nei primi giorni del 2016, il settore dello sviluppo internazionale si trova in una situazione un po’ strana. E’ da sempre costituito da una grande varietà di organizzazioni, grandi e piccole, radicali e conservatrici, ma a mia memoria non riesco a ricordare una situazione più divisa, eterogenea di quella odierna. Con poche eccezioni (per esempio, le recenti campagne in materia fiscale e sui cambiamenti climatici) la maggior parte delle organizzazioni della società civile sembrano occupate a fare le loro cose, in competizione per i fondi come mai fino ad oggi. In un settore teoricamente non-profit, la filosofia di mercato è ormai dominante. Stiamo raggiungendo il culmine di anni di evoluzione da organizzazioni vicine alle comunità a organizzazioni vicine ai donatori, con conseguenze logiche. Leggi altro ›

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Legge 125, i rischi della transizione

Il prossimo 31 dicembre è un giorno importante per la cooperazione allo sviluppo, segna infatti il passaggio definitivo dalla legge 49/87 alla nuova 125/2014. A partire dal 1 gennaio del 2016 entrano quindi in vigore definitivamente le prescrizioni della riforma della cooperazione e vengono abrogati i vecchi articoli della legge che per quasi trent’anni ha regolato questo settore. La transizione non si annuncia semplice poiché, nonostante siano passati oltre 16 mesi dalla pubblicazione in gazzetta ufficiale della nuova legge 125, molti passaggi sono in forte ritardo e si intravvedono all’orizzonte buchi normativi e rallentamenti delle attività in corso. Abbiamo raccolto una serie di preoccupazioni sollevate da diverse organizzazioni e di seguito cerchiamo di fare il punto sulla situazione. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News

Dopo Expo la fame resta un tema sconosciuto a metà degli italiani

Anche dopo l’abbuffata di Expo 2015, in fatto di fame nel Mondo quasi un italiano su due ammette di saperne molto poco, il 39% pensa che a soffrirne siano tra 1,6 e 3 miliardi e una persona su cinque non sa nemmeno indicarne un valore approssimativo. Eppure la fame nel mondo resta tra le priorità indicate dall’opinione pubblica. Al primo posto troviamo il terrorismo internazionale seguito dalla disoccupazione e – praticamente a pari merito – dalle guerre e dalla fame nel mondo. E di Expo 2015, cosa pensano gli italiani? Il 33% pensa sia stata una grande fiera per promuovere prodotti, marche, aziende. Solo il 14% pensa sia stato davvero un momento di riflessione su come risolvere i problemi alimentari del Mondo. Sono questi alcuni dei risultati di un’indagine sulla percezione degli italiani della fame nel Pianeta, delle sue cause e delle possibili soluzioni, realizzata da Mani Tese e AstraRicerche. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

La nostra intervista a Laura Frigenti: l’Agenzia sarà una macchina operativa efficiente

Nelle due settimane successive alla nomina al vertice dell’Agenzia per la cooperazione molti lettori ci hanno scritto per sapere di più su Laura Frigenti, candidata outsider che è riuscita a sbaragliare la concorrenza di 131 contendenti alla carica di direttore. Al di la del suo importante curriculum, pochi sanno qualcosa di Laura Frigenti, anche perchè da oltre vent’anni lavora all’estero, prevalentemente negli States. Una donna di grande esperienza nel settore dello sviluppo internazionale che però nessuno di noi ha mai sentito parlare alle decine e decine di conferenze che hanno accompagnato la lunghissima fase di riforma della cooperazione italiana. Bisogna dirlo, la sua è stata una nomina inattesa che in molti nel nostro settore fanno ancora fatica a digerire. Ma la maggior parte degli operatori della cooperazione apprezzano proprio questo aspetto e si attendono da Laura Frigenti un approccio nuovo e ambizioso per la cooperazione italiana che sappia andare al di la delle dinamiche politiche e diplomatiche e riesca a guardare oltre il piazzale della Farnesina. Ecco cosa ci ha detto sull’Agenzia, sul futuro della cooperazione e delle ONG.

Leggi altro ›

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Una prima fotografia delle risorse umane della cooperazione

Il 54% degli operatori impiegati nella cooperazione sono donne. Di queste l’86% lavorano all’estero e il 14% in Italia. La quota maschile si ferma al 46 % con un 19% di impiegati in Italia e un 81% all’estero. Sono questi i primi dati aggregati dal sito Open Cooperazione sulle risorse umane della cooperazione allo sviluppo in Italia. Una prima fotografia parziale del settore composta dai dati inseriti da oltre 40 organizzazioni Italiane impegnate nella cooperazione e nell’aiuto umanitario. Gli operatori di ONG e Onlus impiegati in Italia sono assunti per il 28,8% con contratti a tempo indeterminato e per il 2,3% a tempo determinato. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in - VISUALIZZA TUTTO, News

A breve la seconda riunione del Consiglio nazionale per la Cooperazione

E’ fissata per il prossimo 9 dicembre a Roma la seconda riunione del Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo, organo istituito dalla legge 125/2014 che ha riformato il sistema della Cooperazione italiana. Il Consiglio è composto da rappresentanti dei principali soggetti pubblici e privati, profit e non profit, del sistema di cooperazione italiana allo sviluppo, ha il compito di favorire la reciproca conoscenza e la formazione di partenariati, nonché di esprimere pareri sulle materie attinenti la cooperazione allo sviluppo ed in particolare sulla coerenza delle scelte politiche, sulle strategie, sulle linee di indirizzo, sulla programmazione, sulle forme di intervento e sulla loro efficacia. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Sorpresa all’Agenzia, nominata Laura Frigenti

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, su proposta del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, ha nominato Laura Frigenti direttrice della nuova Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo. La scelta di Laura Frigenti, arriva venti giorni dopo la presentazione, da parte della commissione esaminatrice, di una rosa di cinque nomi al ministro degli esteri. I cinque candidati alla nomina erano Stefano Bologna, Laura Frigenti, Agostino Miozzo, Eduardo Missoni e Roberto Ridolfi. Nata a Roma e attiva nel settore della cooperazione allo sviluppo dal 1984, Frigenti ricopre da più di un anno il ruolo di vice presidente di InterAction, un’alleanza di oltre 180 ONG basate negli Stati Uniti, Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News