Ricerca per parola chiave: cooperazione-italiana

A casa nostra o a casa loro? Dove va a finire l’aiuto italiano?

E’ di pochi giorni fa la notizia che la “Commissione Bilancio della Camera ha dato via libera a 40 milioni in più per la Cooperazione italiana nel 2017″. Sono queste le parole con cui Mario Giro, Vice Ministro degli Esteri del Governo italiano, annuncia con grande soddisfazione il passo in avanti fatto in questi ultimi giorni. Nel 2015 il premier Matteo Renzi ha dichiarato che entro il 2017 l’Italia sarebbe diventato il quarto paese donatore del G7. Per raggiungere questo obiettivo però dovrebbe raggiungere almeno lo 0,28% di APS rispetto al proprio reddito nazionale lordo entro l’anno prossimo, aumentando di ben 7 punti percentuali i propri fondi. Guardando le previsioni del disegno di legge di bilancio per il 2017, attualmente in discussione alle Camere, questo impegno sembra poter essere raggiunto. Ma cosa c’è dietro questo aumento consistente di risorse? Queste ed altre risposte sono contenute nel nuova seconda edizione del dossier “Cooperazione Italia” realizzato da Openpolis in collaborazione con Oxfam Italia.… Leggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Bando AICS in arrivo con nuovi paesi prioritari

Si avvicina la data di approvazione e pubblicazione del primo e atteso bando dell’Agenzia italiana per la cooperazione, meccanismo che co-finanzierà progetti di cooperazione proposti dalle organizzazioni del settore privato non profit. Rispetto alle prime informazioni circolate, che abbiamo pubblicato in questo post, filtrano diverse conferme e alcune novità. Quella più rilevante è sicuramente l’allargamento dell’elenco dei paesi prioritari fortemente voluto dal VM Mario Giro. Sembra confermato l’inserimento di Bosnia Herzegovina, Giordania, Uganda, Tanzania, Guinea Conakry, Mali e Repubblica Centroafricana. Il bando potrebbe essere pubblicato il 10 maggio e avere scadenza prima della fine del mese.Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in 05/2016, Agenzia Cooperazione (AICS), Bandi, DGCS-MAECI

Eleggibilità dei soggetti della cooperazione, cambiare tutto per non cambiare niente!

Il Comitato congiunto per la cooperazione allo sviluppo riunitosi la scorsa settimana ha varato le attese linee guida che regolano l’eleggibilità delle organizzazioni della società civile e gli altri soggetti senza finalità di lucro ai sensi della nuova legge 125. Si tratta nello specifico delle modalità con cui i diversi soggetti potranno iscriversi all’elenco dei soggetti senza finalità di lucro previsto dall’art. 26 della legge e dal decreto ministeriale 113/2015, quello che di fatto sostituisce l’idoneità delle ONG della legge 49/87. Sarà un elenco unico che vede un’iscrizione quasi automatica per le ONG già idonee al 31 dicembre scorso e descrive i requisiti richiesti per gli altri soggetti. Di fatto per essere iscritti nell’elenco servono gli stessi requisiti e la stessa documentazione che era richiesta per ottenere l’idoneità ONG.… Leggi altro

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in Agenzia Cooperazione (AICS), DGCS-MAECI, News

E’ Mario Giro il nuovo Vice Ministro con delega alla Cooperazione

Un’altra nomina inattesa nella compagine governativa della nuova Cooperazione italiana. Dopo Laura Frigenti all’Agenzia per la Cooperazione arriva la nomina di Mario Giro a Vice Ministro degli esteri con delega alla Cooperazione. Le voci di palazzo infatti davano per certo da mesi che sarebbe stato Enzo Amendola a prendere il posto vacante del MAECI dopo il passaggio di Lapo Pistelli all’ENI. Nell’ambito del così detto mini-rimpasto renziano, Mario Giro passa quindi da sottosegretario al ruolo di Vice Ministro ed Enzo Amendola entra comunque al MAECI con il ruolo di sottosegretario. … Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

La nostra intervista a Laura Frigenti: l’Agenzia sarà una macchina operativa efficiente

Nelle due settimane successive alla nomina al vertice dell’Agenzia per la cooperazione molti lettori ci hanno scritto per sapere di più su Laura Frigenti, candidata outsider che è riuscita a sbaragliare la concorrenza di 131 contendenti alla carica di direttore. Al di la del suo importante curriculum, pochi sanno qualcosa di Laura Frigenti, anche perchè da oltre vent’anni lavora all’estero, prevalentemente negli States. Una donna di grande esperienza nel settore dello sviluppo internazionale che però nessuno di noi ha mai sentito parlare alle decine e decine di conferenze che hanno accompagnato la lunghissima fase di riforma della cooperazione italiana. Bisogna dirlo, la sua è stata una nomina inattesa che in molti nel nostro settore fanno ancora fatica a digerire. Ma la maggior parte degli operatori della cooperazione apprezzano proprio questo aspetto e si attendono da Laura Frigenti un approccio nuovo e ambizioso per la cooperazione italiana che sappia andare al di la delle dinamiche politiche e diplomatiche e riesca a guardare oltre il piazzale della Farnesina. Ecco cosa ci ha detto sull’Agenzia, sul futuro della cooperazione e delle ONG.… Leggi altro

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Sorpresa all’Agenzia, nominata Laura Frigenti

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, su proposta del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, ha nominato Laura Frigenti direttrice della nuova Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo. La scelta di Laura Frigenti, arriva venti giorni dopo la presentazione, da parte della commissione esaminatrice, di una rosa di cinque nomi al ministro degli esteri. I cinque candidati alla nomina erano Stefano Bologna, Laura Frigenti, Agostino Miozzo, Eduardo Missoni e Roberto Ridolfi. Nata a Roma e attiva nel settore della cooperazione allo sviluppo dal 1984, Frigenti ricopre da più di un anno il ruolo di vice presidente di InterAction, un’alleanza di oltre 180 ONG basate negli Stati Uniti,… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Ecco la rosa dei cinque candidati alla direzione dell’Agenzia

La DGCS ha reso nota la rosa di nomi sottoposti al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni dalla Commissione incaricata di selezionare le candidature ai fini della nomina del direttore della futura Agenzia per la cooperazione allo sviluppo. L’ultima fase della selezione vedrà la nomina del direttore a insindacabile giudizione del Ministro. Stefano Bologna, Laura Frigenti, Agostino Miozzo, Eduardo Missoni e Roberto Ridolfi, questi i nomi sul tavolo del ministro degli Esteri. Ecco chi sono i cinque finalisti… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Proroga missioni e cooperazione, ecco il dettaglio delle approvazioni del CDM

Il Consiglio dei ministri del 12 ottobre scorso ha approvato la proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia e le iniziative di cooperazione allo sviluppo. Il decreto legge contempla anche il sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione. È autorizzata da ottobre a dicembre 2015 la spesa di 38.500.000 a integrazione degli stanziamenti per iniziative di cooperazione volte a migliorare le condizioni di vita della popolazione e dei rifugiati e a sostenere la ricostruzione civile in favore di Afghanistan, Etiopia, Repubblica Centrafricana, Iraq, Libia, Mali, Niger, Myanmar, Pakistan, Palestina, Siria, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Yemen e, in relazione all’assistenza dei rifugiati, dei Paesi ad essi limitrofi nonché per contribuire a iniziative europee e multilaterali in materia di migrazioni e sviluppo. Ecco il dettaglio delle approvazioni.… Leggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Con la Legge di stabilità crescono del 40% i fondi per la cooperazione

Per adesso la promessa sembra essere stata mantenuta. Parliamo dell’aumento dei fondi alla cooperazione allo sviluppo che il premier Renzi aveva promesso in più occasioni di incrementare con l’obiettivo finale di portare l’Italia in quarta posizione tra i paesi donatori del G7, in cifre si tratterebbe di arrivare allo 0,25% del PIL nel 2017. Questo primo aumento dei fondi farebbe segnare una crescita dello 0,01% degli aiuti pubblici. Le slide di Renzi indicano un aumento di 121 milioni di euro per il 2016, con circa il 40% in più rispetto ai fondi attuali, che passano da 297 a 418 milioni di euro.… Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Progetto Open Cooperazione, online i primi dati aggregati e la mappa collaborativa

Poco prima dell’estate abbiamo lanciato il progetto Open Cooperazione, una nuova iniziativa in rete che vuole aiutare le organizzazioni impegnate nella cooperazione internazionale e nell’aiuto umanitario a investire in trasparenza e accountability. Il sito è una prima risposta alla grande sfida della cosiddetta “Data Revolution” lanciata da qualche tempo a livello internazionale e fortemente ribadita in occasione del lancio dell’Agenda 2030 e degli SDGs presso le Nazioni Unite. In questi primi mesi il progetto ha suscitato grande interesse nel settore della cooperazione sia in Italia che all’estero. Oltre 70 ONG e AssociazioniLeggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Saremo quarti nel G7! Renzi rilancia la promessa sull’aumento di fondi alla cooperazione

La promessa del premier rilanciata ieri davanti a Bono è la stessa fatta a luglio scorso al vertice di Addis Abeba: “Da qui al 2017 saremo al quarto posto nel G7 per gli investimenti nella cooperazione internazionale”. Lo ha ribadito con forza Renzi partecipando ieri a Expo all’evento organizzato da Italia e Irlanda «It begins with me. How the world can end hunger in our lifetime». Con Bono e il premier Matteo Renzi, anche la direttrice del World Food Programme Ertharin Cousin e i ministri dell’Agricoltura di Italia e Irlanda, Maurizio Martina e Simon Coveney e Boschi.  “Credo che noi italiani dobbiamo guardare in faccia la realtà – ha dichiarato Renzi – quindici anni fa Bono Vox venne in Italia, durante il Giubileo, e disse: rimettete il debito. Ma non abbiamo fatto la nostra parte. … Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Riforma della cooperazione un anno dopo: è tempo di fare un bilancio

I più ottimisti potranno dire che per una riforma approvata dopo 27 anni di attesa, un anno in più non conta granché. Ebbene sì, è passato già un anno da quando il parlamento ha licenziato la riforma della cooperazione allo sviluppo diventata legge a fine agosto del 2014. Dodici mesi nei quali si sarebbero dovuti scrivere i regolamenti attuativi e varare gli organi previsti dalla nuova legge 125, in primis il Consiglio Nazionale e l’Agenzia Italiana per la Cooperazione fortemente voluta dall’ex vice ministro Lapo Pistelli. Un anno dopo, ironia della sorte, non c’è l’Agenzia e nemmeno il vice ministro Pistelli. … Leggi altro

Taggato con: , , , , , ,
Pubblicato in - VISUALIZZA SOLO SONDAGGI, DGCS-MAECI, News

In settimana la nomina del nuovo viceministro degli Esteri

Giovedì prossimo Lapo Pistelli abbandonerà ufficialmente la carica di viceministro degli Esteri dopo le dimissioni rassegnate il 15 giugno e il suo trasferimento all’ENI dove ricoprirà la carica di vicepresidente senior con funzioni di Stakeholder Relations for Business Development Support. Le cronache di palazzo danno in pole position per la sostituzione il deputato Enzo Amendola, responsabile Esteri della segreteria Pd e capogruppo in Commissione Affari Esteri della Camera. A quanto si apprende, sarebbe lui il nome su cui ha puntato il presidente del consiglio, Matteo Renzi. … Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Le ONG alla Camera: lo statuto dell’Agenzia è inaccettabile

Doveva essere un “vascello corsaro” la nuova Agenzia italiana per la cooperazione istituita dalla riforma della cooperazione allo sviluppo, almeno così negli intenti e nelle dichiarazioni dell’ormai ex vice ministro Lapo Pistelli. Il primo ad abbandonare il vascello, in qualità di armatore, è stato proprio lui con le dimissioni a sorpresa arrivate due giorni fa che lo vedono passare alla “portaerei” ben più corazzata dell’ENI. A giudicare dalla bozza di statuto circolata che è ora sottoposta al parere delle Commissioni parlamentari, più che un “vascello” l’Agenzia sembrerebbe più una “chiatta” destinata ad arenarsi o perdere la direzione in mare aperto. Deboli riferimenti alla legge 125, una rinascita del ruolo della DGCS, il depotenziamento del vice ministro, procedure non trasparenti per la selezione del Direttore e il campo libero al profit nella cooperazione. Queste in estrema sintesi le più visibili debolezze del documento.… Leggi altro

Taggato con: , , , , ,
Pubblicato in News

Relazione annuale delle ONG idonee al MAECI

Dalla AOI ci informano che, a seguito di verifica presso il MAECI, è stata confermata la necessità di inviare la consueta relazione annuale prevista per il mantenimento dell’idoneità delle ONG. La relazione deve essere inviata entro il 30 giugno anche se si è già ricevuto la conferma della iscrizione all’anagrafe delle Onlus, perchè la legge 49 è ancora in vigore e lo sarà probabilmente fino alla fine del 2015. … Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in Bandi, DGCS-MAECI