Ricerca per parola chiave: lavoro-cooperazione

Specializzarsi in Cooperazione, ecco i Master disponibili in Italia

Per chi sta finendo gli studi universitari è questo il periodo giusto per informarsi sulle opportunità di specializzazione e sui master disponibili per la prossima stagione formativa. Questo vale anche per tutti quelli che l’università l’hanno già finita o che già lavorano ma vorrebbero intraprendere un percorso di specializzazione sui temi della Cooperazione internazionale. La materia è sicuramente di tendenza tra gli studenti e le carriere professionali di cooperante o funzionario delle organizzazioni internazionali mantengono un grande fascino soprattutto tra i giovani. In più c’è da considerare che la Cooperazione allo sviluppo sta vivendo in Italia una fase di sviluppo, dovuta soprattutto alla nuova legge che regolamenta il settore e agli investimenti pubblici e privati in crescita. Proprio in questi giorni il vice ministro per gli affari esteri e la cooperazione Mario Giro sto intraprendendo un tour degli atenei italiani per raccontare agli studenti le opportunità professionali che il mondo della cooperazione è in grado di offrire.… Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in Lavoro

Tutti i numeri delle ONG italiane

E’ passato poco più di un anno e mezzo da quando abbiamo lanciato il progetto Open Cooperazione chiedendo alle organizzazioni attive nel mondo della cooperazione internazionale e dell’aiuto umanitario di rendere pubblici nel portale i propri dati di trasparenza in formato opendata. Ci eravamo posti l’obiettivo di offrire un nuovo strumento di accontability e trasparenza alle organizzazioni italiane e di mettere insieme i dati di un settore spesso difficile da contabilizzare. In Italia questo settore raramente guadagna le prime pagine dei giornali se non quando la cronaca racconta di qualche cooperante italiano rapito o addirittura morto in contesti di guerra e conflitto. Eppure si tratta di un ambito quanto mai importante e strategico per il nostro paese che recentemente ha messo la cooperazione allo sviluppo al centro della sua politica estera tanto da emanare un’apposita legge in materia e trasformare il nostro Ministero degli Affari Esteri in Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.… Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News

Aperto un bando per costituire i Corpi Europei di Solidarietà

Il Programma Europeo per l’Occupazione e l’Innovazione Sociale – EaSI ha aperto un bando per sostenere il lancio dei Corpi Europei di Solidarietà, l’iniziativa inaugurata lo scorso dicembre per aumentare le opportunità d’impiego e volontariato nell’UE in ambito sociale e in situazioni di disagio e di emergenza per i giovani tra i 18 e i 30 anni. Il budget fissato per la call è di oltre 8 milioni di euro, ma potrà essere aumentato a 14 milioni. La scadenza del bando è fissata per il prossimo 17 marzo 2017.… Leggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in 03/2017, Bandi, EuropeAid

2016 è boom di assunzioni nella cooperazione internazionale

Quello che si sta per concludere non è stato un anno qualunque per il settore della Cooperazione Internazionale. Dopo la riforma del settore varata ormai due anni fa e la nascita dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione iniziano a vedersi chiari segnali di ripresa. Un indicatore significativo è quello legato alle risorse umane di questo settore composto per lo più da organizzazioni non governative. Già dal secondo semestre dell’anno il numero delle posizioni disponibili (le cosiddette vacancy) ha ripreso a correre come non si vedeva da tempo. Un primo dato, abbastanza affidabile e indicativo, viene proprio da questo blog che si conferma il punto di riferimento di chi offre e cerca lavoro nel settore. In un recente ricerca effettuata da ASVI Social Change, Info Cooperazione risulta la migliore piattaforma italiana di Job Posting per la cooperazione internazionale. Nel 2016 abbiamo registrato un aumento del 25% delle vacancy disponibili, ne abbiamo pubblicate oltre 800 negli ultimi dodici mesi. Circa un terzo delle vacancy pubblicate si riferivano a posizioni in Italia, un altro terzo in Africa e le rimanenti in Medio oriente, America Latina e Asia. … Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News

Corpi civili di pace, pubblicati gli esiti del bando di sperimentazione

Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha reso noto l’esito dei lavori della Commissione di esame e valutazione dei progetti dei Corpi Civili di pace da realizzarsi in Italia e all’estero presentati dagli enti iscritti all’albo nazionale e agli albi regionali e delle Province autonome entro lo scorso 15 febbraio. Si tratta del sofferto avvio della sperimentazione dei Corpi civili di Pace, previsti da oltre due anni e mezzo dalla legge di Stabilità del dicembre 2013, che arriva finalmente alla sua fase operativa. I progetti approvati prevedono l’impiego di 106 volontari, la metà circa dei 200 posti inizialmente messi a bando.… Leggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in - VISUALIZZA SOLO ESITI DI BANDO, Bandi

Una prima fotografia delle risorse umane della cooperazione

Il 54% degli operatori impiegati nella cooperazione sono donne. Di queste l’86% lavorano all’estero e il 14% in Italia. La quota maschile si ferma al 46 % con un 19% di impiegati in Italia e un 81% all’estero. Sono questi i primi dati aggregati dal sito Open Cooperazione sulle risorse umane della cooperazione allo sviluppo in Italia. Una prima fotografia parziale del settore composta dai dati inseriti da oltre 40 organizzazioni Italiane impegnate nella cooperazione e nell’aiuto umanitario. Gli operatori di ONG e Onlus impiegati in Italia sono assunti per il 28,8% con contratti a tempo indeterminato e per il 2,3% a tempo determinato. … Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in - VISUALIZZA TUTTO, News

Jobs Act, accordo tra ONG e Sindacati sui contratti di Co.co.co

Lo scorso 14 settembre i rappresentanti sindacali di Nidil CGIL, FELSA-CISL, UILTEMP e le reti di ONG, AOI e LINK2007 hanno firmato un accordo di armonizzazione, che porta l’Accordo Collettivo Nazionale sulle collaborazioni coordinate e continuative a progetto, già in atto dal 2013, ad essere in linea con la nuova normativa in tema di lavoro. Il D.Lgs. n.81/2015, in vigore dal 25 giugno 2015, ha abrogato infatti la collaborazione coordinata e continuativa a progetto, che costituiva la forma contrattuale più utilizzata dalle ONG, sia per i collaboratori all’estero che per quelli in Italia. Il Jobs Act stabilisce inoltre che, dal 1° gennaio 2016, si applica la disciplina del rapporto di lavoro subordinato anche ai rapporti di collaborazione cosìdetti coordinati e continuativi a meno che non esista un accordo collettivo nazionale stipulato dalle associazioni sindacali più rappresentative.… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Burnout del cooperante, come riconoscerlo e venirne fuori

Nella sua definizione più comune burnout significherebbe “sono particolarmente stanco e stressato”, in quella più tecnica è definito come “l’esito patologico di un processo stressogeno che colpisce le persone che esercitano professioni d’aiuto, qualora queste non rispondano in maniera adeguata ai carichi eccessivi di stress che il loro lavoro li porta ad assumere”. Ma il burnout reale è uno stato d’animo molto più complesso. Tra gli operatori della cooperazione e dell’umanitario è un fenomeno ricorrente ma è necessario riconoscerlo per capire se si sta attraversando solo un periodo di stanchezza o se c’è qualcosa di più profondo. Se ti senti fisicamente, mentalmente ed emotivamente esausto e ti porti addosso un senso di smarrimento del tuo scopo professionale ed esistenziale, allora potresti essere in fase di burnout e non sarà certo una vacanza o un R&R a poterti rimettere in pista. … Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in Lavoro

Addio ai Co.co.pro, si torna ai Co.co.co

Da oggi non è più possibile stipulare contratti a progetto. Entra in vigore il Decreto di riordino dei contratti di lavoro pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 24 giugno. Dal 1 gennaio 2016 viene previsto un meccanismo che riconduce al lavoro subordinato le collaborazioni nonché una possibilità di stabilizzazione dei collaboratori coordinati e continuativi anche a progetto e di persone titolari di partita IVA. Vediamo cosa cambia, che fine faranno i contratti a progetto (co.co.pro.) e le collaborazioni coordinate e continuative (co.co.co.).… Leggi altro

Taggato con:
Pubblicato in News

Il Jobs Act e le ONG, cosa cambia?

E’ da poco entrato in vigore il Jobs Act, ultimo intervento legislativo in materia di diritto del lavoro degli ultimi anni. Obiettivo prefissato quello di creare più flessibilità, non solo in entrata, ma anche in uscita. Senza focalizzarci in questa sede sulla flessibilità in uscita, per la quale sono tuttora marcate le critiche nei confronti di alcuni provvedimenti di legge che renderebbero più facile il licenziamento, l’obiettivo di questo elaborato parallelamente a quello dichiarato nei recentissimi interventi in materia di Politiche del lavoro, è stato quello di ridurre l’area dei contratti atipici, o precari e ricondurre la maggior parte dei rapporti di lavoro all’interno della subordinazione a tempo indeterminato. Le novità introdotte dall’ultima legge n.183 del 10.12.2014, più nota come Jobs Act, vertono principalmente verso questi tipi di contratti cd. “parasubordinati a termine” che rappresentano, in buona sostanza, la formula contrattuale più utilizzata nel Terzo Settore e nel mondo delle ONG, ovvero quegli enti che operano prioritariamente per il raggiungimento di scopi sociali e umanitari.… Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News

Servizio Civile, a breve il bando record per 50.000 volontari

C’è grande attesa per il bando Servizio Civile Nazionale 2015. Il motivo? Sarà da record il numero di giovani che potranno fare questa esperienza utile, formativa e retribuita. Saranno quasi 50.000 i posti per il Servizio Civile 2015. Il bando ufficiale è atteso a giorni. I 50.000 posti di Servizio Civile saranno così suddivisi: 36.700 del bando nazionale del Servizio Civile 2015 (30.000 in italia e 700 all’estero), 1.000 del servizio civile per ciechi e grandi invalidi, 300 Corpi civili di pace, e 140 posti per un servizio civile ad hoc legato a Expo 2015. A questi numeri si aggiungono i 7.000 del programma Garanzia giovani. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul Bando Servizio Civile 2015.… Leggi altro

Taggato con:
Pubblicato in Lavoro

18.000 volontari europei supporteranno l’aiuto umanitario

Si chiama EU Aid Volunteers initiative, il nuovo programma dell’Unione Europea che permetterà a più di 18.000 cittadini europei di diventare volontari e contribuire al lavoro umanitario nei contesti di crisi internazionale. L’iniziativa EU Aid Volunteers offrirà un’opportunità ai cittadini europei di dare un loro contributo ai programmi di aiuto umanitario dell’Europa fornendo un supporto professionale volontario ai più bisognosi nei contesti di crisi. Il programma rafforzerà anche le organizzazioni locali con misure di rafforzamento delle capacità e formazione. A fine 2015 le prima partenze.… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in EuropeAid, News

Espatriati, un manuale per gli italiani all’estero

Mai come in questo periodo si registra una vera e propria “emorragia” d’italiani, specialmente giovani, che decidono di espatriare per motivi di lavoro o, comunque, per costruirsi prospettive di vita che in Italia paiono ormai latitare. A questo folto gruppo di persone si aggiungono quelli che, già da tempo, fanno del viaggiare e dello spostarsi di paese in paese il loro lavoro. Ma trasferirsi all’estero per vivere e per lavorare, specialmente in paesi di cultura non occidentale, richiede il superamento di un gap culturale non indifferente che, se non opportunamente compreso e metabolizzato, può rendere l’esperienza frustrante e problematica. A tutte queste persone è dedicato un piccolo manuale – “Espatriati” – che raccoglie e sistematizza, alla luce di costrutti psicologici e sociologici, esperienze di vita e di lavoro in paesi stranieri, in particolare, ma non solo, in “paesi difficili”, cioè in “Paesi in via di sviluppo”, destinatari di progetti di cooperazione internazionale.… Leggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in Lavoro

Mamma, voglio fare il cooperante

E’ il titolo di un libro scritto recentemente da un collega spagnolo che operando nel mondo delle ONG ha registrato una crescente domanda di giovani e non, che vorrebbero lavorare nel mondo della cooperazione. Certo la rilevazione è empirica e si basa sulle decine di curriculum che ogni giorno arrivano nelle caselle email delle nostre organizzazioni che ci sia o meno un posto vacante. Sono sempre di più i giovani interessati alla cooperazione internazionale, agli aiuti umanitari, alle tematiche dello sviluppo che vorrebbero lavorare per le ONG o le organizzazioni internazionali.… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Come diventare funzionari ONU con il Programma JPO

Il Programma Esperti Associati e Giovani Funzionari delle Organizzazioni Internazionali, noto anche come JPO Programme, è un’iniziativa di cooperazione tecnica multilaterale finanziata dal Ministero degli Affari Esteri, DGCS , che permette a cittadini italiani in possesso di un titolo di laurea e che non abbiano superato i 30 anni (33 per i laureati in medicina e chirurgia) di compiere un’esperienza formativa e professionale nelle organizzazioni internazionali per un periodo di 2 anni. Scadenza candidature: 31 ottobre 2013Leggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in Lavoro
Scarica qui la nostra nuova guida sulla Teoria del Cambiamento