Ricerca per parola chiave: ong-italiane

Le ONG guardano agli scenari futuri…e torna il dibattito sulla rappresentanza unitaria

Non parliamo certo di un tema nuovo nel mondo non governativo italiano. Di rappresentanza unitaria si è discusso più volte soprattutto negli ultimi 15 anni, da quando gradualmente sono venute a crearsi e/o consolidarsi diverse reti e coordinamenti che non hanno saputo o voluto convivere in un’unica organizzazione di rappresentanza, quella che un tempo era l’Associazione delle ONG italiane. La storia del settore non governativo italiano e gli avvicendamenti degli ultimi anni ci consegnano oggi un panorama di rappresentanza abbastanza frastagliato e composto da livelli e percorsi diversi. Ci sono le cosiddette Reti di rappresentanza (AOI, Cini e Link 2007), le cosiddette Federazioni (Cipsi, Cocis e Focsiv), i Coordinamenti regionali (per lo più aderenti ad AOI), le altre Reti tematiche (ForumSad, Agire, ecc). Più in alto ancora c’è il Forum del Terzo Settore che rappresenta circa 75 organizzazioni nazionali di secondo e terzo livello che operano in diversi ambiti tra cui anche la Solidarietà Internazionale. A questo si aggiunge anche la dimensione europea che vede la piattaforma di Concord Italia partecipata da organizzazioni appartenenti a tutte le altre realtà. Leggi altro ›

Taggato con:
Pubblicato in News

Ecco perché le ONG dovrebbero prendere sul serio gli opendata

Negli ultimi anni si fa un gran parlare di opendata e accesso alle informazioni grazie alla crescente disponibilità di tecnologie e al lavoro del cosiddetto “opendata movement” che spinge perché governi e amministrazione pubblichino in rete i loro dati in modo trasparente. Anche in Italia il movimento per gli opendata si sta rafforzando ed è riuscito a segnare un primo punto importante, l’approvazione di un FOIA (Freedom of Information Act) da parte del governo italiano. Anche grazie alla campagna FOIA4ITALY, di cui Open Cooperazione fa parte, abbiamo finalmente una legge che obbliga la pubblica amministrazione a diffondere le informazioni, rendere pubblici i propri atti e favorire la trasparenza. I cittadini hanno il diritto di chiedere e ricevere ogni tipo d’informazione prodotta e posseduta dalle amministrazioni pubbliche che non contrasti con la sicurezza nazionale o la privacy.   Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Tra una settimana la scadenza del bando AICS per progetti di cooperazione

Manca poco meno di una settimana alla scadenza per la consegna delle proposte progettuali complete del primo bando dell’Agenzia italiana per la Cooperazione. La data ultima è fissata per le ore 12.00 di sabato 17 settembre. La prima fase della valutazione si era conclusa lo scorso 29 luglio con la selezione di 89 concept note approvate su 212 presentate dalle Organizzazioni della Società Civile e dei soggetti senza finalità di lucro. Due giorni fa l’AICS ha comunicato alcuni ulteriori chiarimenti rispetto alle FAQ iniziali pubblicate a giugno scorso. Si tratta della risposta ad alcune domande che diversi enti hanno sottoposto nelle ultime settimane. Ecco di seguito le ultime precisazione e le raccomandazioni per una corretta presentazione dei progetti. Leggi altro ›

Taggato con: ,
Pubblicato in Agenzia Cooperazione (AICS), Bandi

L’esercito delle Onlus, l’Agenzia delle entrate pubblica gli elenchi online

Dalla scorsa settimana l’Agenzia delle entrate ha reso pubblici gli elenchi (per regione) delle organizzazioni iscritte al registro delle Onlus. Un passo di trasparenza che non era mai stato fatto negli ultimi 18 anni neanche quando esisteva l’apposita Agenzia del Terzo Settore. Secondo gli elenchi pubblicati, in Italia le Onlus riconosciute sarebbero 21.706 a cui vanno aggiunte le organizzazioni di volontariato (ODV) e le cooperative sociali che sono riconosciute “Onlus di diritto”. Lazio, Lombardia, Piemonte e Sicilia detengono il primato delle Onlus in Italia, in queste quattro regioni risiedono più della metà delle organizzazioni italiane. Gli elenchi dell’Agenzia comprendono anche le cosiddette ONG che prima della nuova legge 125/2014 erano riconosciute “Onlus di diritto”. Oggi invece si ritrovano categorizzate come “ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE ante legge n. 125 del 2014”. Alla data di aggiornamento di questi elenchi (16 luglio 2016) le ONG che hanno lo status di Onlus sono 195. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Coro unanime contro il Migration Compact in salsa UE, e non solo delle ONG

Si chiama “New Migration Partnership Framework” la recente Comunicazione della Commissione Europea che sarà discussa durante la riunione del Consiglio Europeo in programma per domani a Bruxelles. Il tema migrazioni sarebbe dovuto essere al centro di questo Consiglio che, alla luce del Brexit, rischia di spostare la sua attenzione sulle modalità di uscita della Gran Bretagna dall’Unione. L’approccio proposto dalla Commissione in questo nuovo Partnership Framework si ispira all’accordo anti migrazione UE-Turchia che, seppur pubblicizzato come un esempio riuscito di cooperazione, è costato sei miliardi di euro ed ha effettivamente lasciato migliaia di persone bloccate in Grecia in condizioni disumane e degradanti. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

212 Concept Note per il primo bando AICS

Non è un record ma quasi, quello di partecipazione al primo bando dell’Agenzia per la cooperazione allo sviluppo, lo strumento con cui l’AICS mette a disposizione delle organizzazioni della società civile 22,5 milioni di euro per progetti di cooperazione. In totale 212 concept note sono pervenute entro la scadenza dello scorso 13 giugno presentati da 136 organizzazioni. Di seguito i paesi che vedono il maggior numero di proposte progettuali presentate: Kenya 18, Etiopia 17, Mozambico 16, Albania 14, Senegal e Tunisia 13 e Burkina Faso 12 proposte. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in Agenzia Cooperazione (AICS), Bandi, DGCS-MAECI

Ecco le Top 10 delle organizzazioni su Open Cooperazione

Ormai da alcuni mesi i dati inseriti dalle ONG italiane sul portale Open Cooperazione compongono un quadro sempre più completo del settore della cooperazione allo sviluppo e dell’aiuto umanitario in Italia. Ottanta tra le più importanti organizzazioni italiane hanno inserito i loro dati di trasparenza e altrettante lo stanno facendo nelle ultime settimane. Si tratta dei dati relativi all’anno 2014, la possibilità di inserire i dati 2015 sarà abilitata nel mese di giugno. Il quadro che emerge suscita interesse in primis perché parliamo di dati inediti che fino ad ora non erano reperibili; finalmente è disponibile una fotografia sempre aggiornata sul mondo della cooperazione non governativa in Italia. I dati aggregati rilasciati nel portale sono divisi in quattro macro aree: paesi e settori d’intervento, risorse umane, risorse economiche e certificazioni. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Ma le ONG in Italia esistono ancora?

Un lettore del blog ci ha scritto alcuni giorni fa ponendo una domanda apparentemente banale: “Alla luce della legge 125 che riforma la Cooperazione allo sviluppo, le ONG in Italia esistono ancora?”. La risposta potrebbe sembrare altrettanto banale e scontata: “Certo che esistono, sono quasi duecento le organizzazioni che detengono questa denominazione”. Eppure andando a ragionare sugli effetti della riforma e sulle dinamiche che questa metterà in campo nel settore della Cooperazione la risposta si complica parecchio e potrebbe rivelarsi problematica. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News

191 ONG iscritte all’elenco della legge 125

L’Agenzia per la Cooperazione AICS ha pubblicato un primo elenco delle Organizzazioni della Società Civile ed altri soggetti senza finalità di lucro che risultano idonee ai sensi dell’art. 26, commi 2 e 3 della Legge 125/2014 e dell’art.17 del D.M. 113/2015. Si tratta per ora delle sole ONG che alla data del 31 dicembre 2015 risultavano già idonee ex Legge 49/87 e che hanno presentato domanda secondo le modalità e i termini previsti dalle Linee Guida approvate dal Comitato Congiunto il 29 gennaio 2016. Si tratta di 191 organizzazioni rispetto alle 232 che risultavano nell’elenco delle ONG idonee ex Legge 49/87. Leggi altro ›

Taggato con: , ,
Pubblicato in Agenzia Cooperazione (AICS), DGCS-MAECI, News

Bando AICS in arrivo con nuovi paesi prioritari

Si avvicina la data di approvazione e pubblicazione del primo e atteso bando dell’Agenzia italiana per la cooperazione, meccanismo che co-finanzierà progetti di cooperazione proposti dalle organizzazioni del settore privato non profit. Rispetto alle prime informazioni circolate, che abbiamo pubblicato in questo post, filtrano diverse conferme e alcune novità. Quella più rilevante è sicuramente l’allargamento dell’elenco dei paesi prioritari fortemente voluto dal VM Mario Giro. Sembra confermato l’inserimento di Bosnia Herzegovina, Giordania, Uganda, Tanzania, Guinea Conakry, Mali e Repubblica Centroafricana. Il bando potrebbe essere pubblicato il 10 maggio e avere scadenza prima della fine del mese. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in Agenzia Cooperazione (AICS), Bandi, DGCS-MAECI

Le ONG internazionali hanno ancora diritto di esistere?

Sono anni in cui questa domanda ritorna ciclicamente a farsi sentire tra gli operatori del settore e ogni volta riparte un dibattito che avrà bisogno di anni prima di trovare la via d’uscita. Questa volta a innescarlo sono stati gli stessi manager di alcune importanti ONG internazionali (Oxfam GB, World Vision, ecc) durante una conferenza organizzata dall’associazione delle ONG inglesi BOND. Il tutto amplificato da un articolo apparso ieri sulle pagine online del Guardian che da diversi anni dedica spazio al dibattito sul futuro delle ONG e della Cooperazione. Nulla di nuovo sotto questo cielo, ma vale la pena di proporvi anche questo articolo che porta ulteriori spunti di riflessione e ci chiarisce quali sono le domande di questo settore a livello internazionale. A noi il compito di guardarci intorno e contestualizzare il tutto anche alla luce di quanto sta accadendo anche a livello italiano. Leggi altro ›

Taggato con:
Pubblicato in News

Come iscriversi all’elenco della legge 125

Due settimane fa sono state rese note dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione (AICS) le modalità d’iscrizione all’elenco delle organizzazioni non profit della società civile riconosciute soggetti della cooperazione allo sviluppo. Le organizzazioni che vogliono iscriversi all’elenco dovranno presentare una serie di documenti a supporto della richiesta che può essere effettuata in qualunque momento dell’anno. Diversa la procedura per le ONG già idonee alla data del 31 dicembre scorso che prevede la presentazione di una semplice domanda entro il prossimo 1 marzo. Vediamo nel dettaglio cosa è necessario fare per ottenere l’iscrizione all’elenco. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in Agenzia Cooperazione (AICS), DGCS-MAECI, News

Eleggibilità dei soggetti della cooperazione, cambiare tutto per non cambiare niente!

Il Comitato congiunto per la cooperazione allo sviluppo riunitosi la scorsa settimana ha varato le attese linee guida che regolano l’eleggibilità delle organizzazioni della società civile e gli altri soggetti senza finalità di lucro ai sensi della nuova legge 125. Si tratta nello specifico delle modalità con cui i diversi soggetti potranno iscriversi all’elenco dei soggetti senza finalità di lucro previsto dall’art. 26 della legge e dal decreto ministeriale 113/2015, quello che di fatto sostituisce l’idoneità delle ONG della legge 49/87. Sarà un elenco unico che vede un’iscrizione quasi automatica per le ONG già idonee al 31 dicembre scorso e descrive i requisiti richiesti per gli altri soggetti. Di fatto per essere iscritti nell’elenco servono gli stessi requisiti e la stessa documentazione che era richiesta per ottenere l’idoneità ONG. Leggi altro ›

Taggato con: , , , ,
Pubblicato in Agenzia Cooperazione (AICS), DGCS-MAECI, News

Superare divisioni e competizione, questa la sfida delle ONG nel 2016

A guardarlo nei primi giorni del 2016, il settore dello sviluppo internazionale si trova in una situazione un po’ strana. E’ da sempre costituito da una grande varietà di organizzazioni, grandi e piccole, radicali e conservatrici, ma a mia memoria non riesco a ricordare una situazione più divisa, eterogenea di quella odierna. Con poche eccezioni (per esempio, le recenti campagne in materia fiscale e sui cambiamenti climatici) la maggior parte delle organizzazioni della società civile sembrano occupate a fare le loro cose, in competizione per i fondi come mai fino ad oggi. In un settore teoricamente non-profit, la filosofia di mercato è ormai dominante. Stiamo raggiungendo il culmine di anni di evoluzione da organizzazioni vicine alle comunità a organizzazioni vicine ai donatori, con conseguenze logiche. Leggi altro ›

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Legge 125, i rischi della transizione

Il prossimo 31 dicembre è un giorno importante per la cooperazione allo sviluppo, segna infatti il passaggio definitivo dalla legge 49/87 alla nuova 125/2014. A partire dal 1 gennaio del 2016 entrano quindi in vigore definitivamente le prescrizioni della riforma della cooperazione e vengono abrogati i vecchi articoli della legge che per quasi trent’anni ha regolato questo settore. La transizione non si annuncia semplice poiché, nonostante siano passati oltre 16 mesi dalla pubblicazione in gazzetta ufficiale della nuova legge 125, molti passaggi sono in forte ritardo e si intravvedono all’orizzonte buchi normativi e rallentamenti delle attività in corso. Abbiamo raccolto una serie di preoccupazioni sollevate da diverse organizzazioni e di seguito cerchiamo di fare il punto sulla situazione. Leggi altro ›

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News