10 cose che cambiano con la nuova PRAG

Il 2 agosto scorso la Commissione Europea ha lanciato in sordina la nuova versione della PRAGPractical Guide to Contract Procedures for EU External Actions“, la bibbia per chi si occupa di contratti e finanziamenti europei. Questa nuova versione revisionata include alcuni cambiamenti rivoluzionari, legati alla concezione espressa nel nuovo regolamento finanziario dell’Unione Europea, regole più semplici per la gestione dei fondi europei delle DG EuropeAid e DG NEAR per le quali si utilizzano le regole della PRAG. Ma cosa cambia davvero per chi gestisce grant e/o partecipa ai bandi di questi donatori europei?

 

Molte le novità, tra queste evidenziamo le seguenti dieci:

 

1. E’ stata introdotta una nuova concezione dei costi semplificati (Simplified Cost Options) legati al raggiungimento dei risultati del progetto: il pagamento del Grant viene dunque calcolato non sulla base dell’eleggibilità dei costi, ma dei risultati ottenuti (sarà anche possibile avere un unico lumpsum che copra tutti i costi del progetto!)

2. Viene riconosciuto il lavoro volontario come costo eleggibile e contributo effettivo (in kind) al progetto

3. C’è una maggiore attenzione e nuove regole riguardo alle attività di monitoraggio e valutazione dei progetti, legata anche alla nuova concezione dei costi semplificati

4. C’è una nuova procedure relativa agli audit di progetto (Expenditure Verification) che sembra che in larga parte verranno condotte direttamente da auditors inviati dalla Commissione

5. Viene richiesto di aderire a un codice di condotta

6. Sembra che verrà introdotta una gestione elettronica (e-management) dei contratti, incluse notifiche, richieste e approvazione di cambiamenti e report

7. La regola del no-profit ha subito delle modifiche

8. E’ ulteriormente cambiato il formato del Quadro Logico (logframe), ma senza cambiamenti di rilievo sui contenuti

9. E’ stata introdotta una distinzione tra “Implementation contracts” e “Subcontracting”

10. E’ ora richiesto di verificare le liste delle misure restrittive della UE (EU restrictive measures) in un database pubblico, prima di assegnare contratti di acquisto di forniture, servizi e lavoro e sub-grant (financial support to third parties)

 

Per adesso la versione della PRAG aggiornata al 2 agosto è disponibile solo in inglese e francese.

 

Scarica la PRAG in inglese

 

Scarica la matrice con i principali cambiamenti

 

Vai al sito della PRAG

 

Restano ancora molte incongruenze negli annex dei Grant e non è ancora chiaro come verranno applicate nella pratica molte delle nuove regole, per questo sarà necessario informarsi ulteriormente e formarsi adeguatamente.

Una prima opportunità di approfondimento rispetto è stata già messa in piedi da punto.sud Academy che ha sviluppato un modulo eLearning gratuito per presentare le principali novità della PRAG per la gestione dei Grant, con un’analisi dettagliata dei documenti di riferimento.

Partecipando a questo modulo, avrete la possibilità di accedere anche ai forum online dove tutti i partecipanti possono scambiare informazioni, aggiornamenti e consigli su come meglio affrontare le nuove regole della PRAG.

Per accedere al modulo eLearning, occorre registrarsi alla piattaforma della punto.sud Academy, selezionare il corso “The new PRAG 2018: main novelties” dal catalogo e iscriversi.

Il modulo sarà attivo dal prossimo 10 settembre.

 

Torna alla sezione EuropeAid, News -
Taggato con: , ,
Pubblicato in EuropeAid, News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*