Ricerca per parola chiave: concord-italia

Dieci raccomandazioni della società civile europea sul settore privato nello sviluppo

Come può il settore privato profit contribuire a realizzare l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile a livello globale? Negli ultimi anni abbiamo visto il mondo business mettere in campo diverse iniziative volontarie che contribuiscono allo sviluppo sostenibile ma l’agenda concordata a livello internazionale ormai due anni fa richiede che governi e imprese intraprendano una vera e propria transizione verso un sistema che offra alle persone in tutto il mondo una vita dignitosa e rispetti il nostro pianeta. Questa aspettativa è sottolineata anche nel recente Consenso Europeo per lo sviluppo nel quale si evidenzia come il settore privato profit, dalle piccole aziende alle multinazionali, possa contribuire rendendo più sostenibili le catene produttive, investendo in energie e tecnologie pulite, aprendo al commercio equo e solidale delle materie prime.… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Fermare i salvataggi in mare delle ONG, l’ennesima sconfitta della politica europea

A poche ore dal vertice di Tallin e dopo le minacce italiane di chiudere i propri porti alle navi che trasportano migranti e di istituire un codice di condotta per le Ong, a reagire è l’intera Confederazione CONCORD Europe, che riunisce 2600 Ong di 28 Paesi europei. La società civile europea si dice preoccupata dopo le recenti dichiarazioni in merito alla gestione dei flussi migratori a livello europeo., si teme che nuove misure possano limitare la loro azione nel mar Mediterraneo, spostando l’attenzione, dalla mancanza di solidarietà tra gli Stati membri, alle organizzazioni della società civile.   … Leggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in News

Via libera al nuovo Consenso Europeo: direzione giusta, ma manca coerenza

Il Consiglio Europeo dei ministri dello sviluppo dello scorso 19 maggio ha dato il proprio via libera al nuovo Consenso europeo per lo sviluppo, ovvero le linee strategiche dell’Unione in materia di cooperazione internazionale per i prossimi anni. Il documento è fortemente influenzato dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, sottoscritta dagli Stati membri europei nel 2015, che ha definito un nuovo quadro comune per sradicare la povertà e favorire una crescita sostenibile a livello globale. Il Parlamento europeo dovrà ora finalizzare il proprio sostegno al documento entro la fine del mese, prima che si possa arrivare all’adozione conclusiva in forma tripartita (Consiglio, Parlamento, Commissione) attesa per la prima metà di giugno.… Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News

Delegazioni EU e società civile: ecco i risultati dell’indagine 2017

Le delegazioni dell’Unione Europa sono le rappresentanze diplomatiche ufficiali nei confronti delle autorità locali e della popolazione dei paesi che le ospitano. Negli ultimi anni, a seguito del rafforzamento del decentramento europeo, il loro ruolo è crescente soprattutto per quanto concerne le politiche di cooperazione. La confederazione europea delle ONG Concord ha monitorato in maniera costante negli ultimi 10 anni il rapporto tra le delegazioni dell’UE e le organizzazioni della società civile operanti in tutto il mondo attraverso la pubblicazione di un rapporto biennale. L’edizione 2017 è stata presentata oggi a Bruxelles e racchiude i feedback di quasi 400 operatori di ONG operanti in Europa e nei paesi partner fatti pervenire attraverso un survey online che vi avevamo presentato nel settembre dell’anno scorso.… Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in EuropeAid, News

Il 17% dell’aiuto europeo è “Fake”

L’Unione Europea per l’ennesima volta ha fallito l’obiettivo dello 0,7% del reddito nazionale lordo in aiuti allo sviluppo. E’ il primo risultato del rapporto Aidwatch 2016 intitolato “This is not enough” e presentato ieri dalla federazione europea delle ONG Concord. Lo studio rivela che solo cinque paesi hanno raggiunto i loro obiettivi per il 2015: Danimarca, Lussemburgo, Paesi Bassi, Svezia e Regno Unito. Questo significa che c’è ancora un ‘debito’ da parte dei paesi UE di circa 37 miliardi di euro nel 2015 tra ciò che era stato promesso e quello che è stato davvero speso.… Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in News

Da Concord una guida sulle novità in tema di progettazione europea

Alcune settimane fa CONCORD Europe ha presentato una nuova guida dedicata alla scrittura di proposte di finanziamento presso EuropeAid (DEVCO). La guida dal titolo “GUIDANCE NOTE ON APPLICATION FORMS” fornisce suggerimenti e chiarimenti sui recenti cambiamenti nelle procedure legate alle call for proposal europee, al PRAG 2015 e al sistema di presentazione on-line utilizzato per tutti i nuovi inviti a presentare proposte (Prospect). Dal 2012 ad oggi il Practical Guide (PRAG) di EuropeAid è stato infatti aggiornato con cadenza quasi annuale.… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Dialogo tra OSC e Delegazioni UE, un questionario per dire come funziona

Nell’ottica di un ulteriore decentramento delle politiche UE di cooperazione e dello sviluppo della programmazione congiunta tra UE e stati membri nei paesi partner (joint programming), è sempre più importante rafforzare il dialogo tra organizzazioni della società civile e Delegazioni UE nei paesi partner. Di questo percorso si sta occupando il gruppo di lavoro EUD-CSO all’interno di Concord Europe che vede anche la partecipazione di delegati di Concord Italia. Dopo la pubblicazione di un primo rapporto, intitolato “Mutual engagement between EU Delegations and Civil Society Organisations” pubblicato all’inizio del 2015, è in via di elaborazione un nuovo rapporto sul coinvolgimento della società civile da parte delle delegazioni UE. Per realizzare questo nuovo rapporto Concord ha preparato uno specifico questionario a cui tutte le OSC sono chiamate a rispondere. Il survey può essere compilato da diverse figure all’interno di ogni organizzazioni (uffici centrali, uffici nei paesi e partner locali) entro il 10 settembre prossimo.… Leggi altro

Taggato con:
Pubblicato in EuropeAid, News

Coro unanime contro il Migration Compact in salsa UE, e non solo delle ONG

Si chiama “New Migration Partnership Framework” la recente Comunicazione della Commissione Europea che sarà discussa durante la riunione del Consiglio Europeo in programma per domani a Bruxelles. Il tema migrazioni sarebbe dovuto essere al centro di questo Consiglio che, alla luce del Brexit, rischia di spostare la sua attenzione sulle modalità di uscita della Gran Bretagna dall’Unione. L’approccio proposto dalla Commissione in questo nuovo Partnership Framework si ispira all’accordo anti migrazione UE-Turchia che, seppur pubblicizzato come un esempio riuscito di cooperazione, è costato sei miliardi di euro ed ha effettivamente lasciato migliaia di persone bloccate in Grecia in condizioni disumane e degradanti.… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in News

Una guida per orientarsi tra i nuovi meccanismi di finanziamento dell’UE

Nuovi programmi 2014-2020, Trust Fund, accordi quadro di partenariato, sostegno finanziario a terzi, blending: sono queste alcune delle nuove tendenze nel finanziamento dello sviluppo globale a livello europeo. Le organizzazioni della società civile sono chiamate a orientarsi rapidamente in un contesto che cambia e cercano risposte a una serie di domande: cosa sono questi nuovi meccanismi? Chi decide come funzioneranno? Quali regole si applicano? Dove si trova l’informazione giusta? Per rispondere a queste domande Concord Europe ha messo a punto una guida con lo scopo di aiutare gli operatori del settore a familiarizzare con questi nuovi meccanismi di finanziamento.… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in Bandi

Migrazioni e SDGs, le ONG chiedono un impegno a Gentiloni

I ministri dello sviluppo dell’UE si riuniscono oggi a Lussemburgo nel Consiglio “Affari esteri”. All’ordine del giorno ci sono le questioni umanitarie, l’emergenza migratoria e lo sviluppo delle relazioni fra l’Ue e i Paesi Acp (Africa, Caraibi e Pacifico). Si prevede inoltre che i ministri adottino delle conclusioni sul piano d’azione dell’UE sulla parità di genere e l’emancipazione femminile nella cooperazione allo sviluppo. Ma il tema ancora caldo sarà sempre quello delle migrazioni. I ministri dovranno valutare i progressi compiuti nella creazione del “fondo fiduciario di emergenza per la stabilità e la lotta contro le cause profonde della migrazione irregolare in Africa”, fondo che dovrebbe promuovere opportunità sociali ed economiche nei paesi africani per gestire meglio la migrazione. In occasione di questo consiglio Concord, insieme alle rappresentanze italiane delle ONG, ha inviato una lettera al Ministro Gentiloni chiedendo un impegno importante dell’Italia sui temi in discussione.… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Anno Europeo per lo Sviluppo, ecco i 16 grant di Concord

Concord Europe ha reso noti ieri i risultati del bando di sub-granting per le organizzazioni della società civile per attività legate all’Anno Europeo per lo Sviluppo 2015 (EYD2015). Sono 16 le proposte approvate e finanziate con un sostegno massimo di 60.000 €. Si tratta di risorse che la Commissione Europea ha messo a disposizione di Concord all’interno della campagna “EYD2015 Civil Society Alliance” disciplinate dalla decisione n 472/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 aprile 2014 in merito all’Anno europeo per lo sviluppo. La sola proposta italiana finanziata è quella di Congass, il Coordinamento delle ONG e delle Associazioni di Solidarietà Siciliane.… Leggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in - VISUALIZZA SOLO ESITI DI BANDO, Bandi, EuropeAid

Care ONG aiutateci a portare le imprese a bordo

E’ questo l’appello del vice ministro Pistelli alla società civile italiana impegnata nella cooperazione internazionale lanciato pochi giorni fa in occasione dell’incontro con le ONG della piattaforma Concord Italia sul bilancio del semestre italiano di presidenza dell’Unione. Il ministro descrive la nuova legge 125 sulla cooperazione come un’orchestra da comporre a cui però mancano figure rilevanti: i fiati, le percussioni. Sarebbero i nuovi attori della cooperazione allo sviluppo a cui la legge ha riservato uno spazio importante e paritario rispetto agli attori tradizionali (es. le ONG). … Leggi altro

Taggato con: , , , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News

Concord supporta progetti per l’Anno europeo per lo sviluppo 2015

Concord, la Confederazione europea che rappresenta 1600 ONG e associazioni della società civile che si occupano di cooperazione allo sviluppo e aiuto umanitario, ha da poco lanciato la campagna “EYD2015 Civil Society Alliance”, un alleanza della società civile per l’Anno europeo per lo sviluppo 2015. Per supportare lo sviluppo di specifiche attività nei paesi dell’Unione, Concord ha aperto un invito a presentare proposte progettuali per le organizzazioni della società civile allo scopo di promuovere lo EYD2015 e contribuire alla realizzazione degli obiettivi ufficiali dell’Unione europea per l’Anno europeo. Scadenza 26 gennaio 2015.… Leggi altro

Taggato con: ,
Pubblicato in - VARI DONATORI, Bandi, EuropeAid

Ecco la Guida agli strumenti di finanziamento EuropeAid 2014-2020

La Confederazione Europea delle ONG Concord ha pubblicato pochi giorni fa un’utile guida che ha lo scopo di fornire una panoramica aggiornata degli strumenti e dei programmi (sia tematici e geografici) utilizzati dall’Unione Europea nella cooperazione allo sviluppo. Il documento mette in evidenza anche il ruolo svolto dalla società civile nel dialogo politico su questi strumenti e programmi, e nella loro attuazione. Concord infatti è stato attivamente impegnata nel dialogo con le istituzioni dell’Unione europea e i suoi Stati membri al fine di monitorare e influenzare i negoziati sul quadro finanziario pluriennale dell’UE 2014-2020, con un focus particolare sugli strumenti e i programmi relativi allo sviluppo. La relazione contiene anche i commenti

di Concord sul processo di programmazione 2014-2020.… Leggi altro

Taggato con: , ,
Pubblicato in Bandi, EuropeAid

Qual è la posizione italiana sugli SDGs e sul post 2015?

Nella prima riunione dei ministri europei dello sviluppo del semestre italiano che si è tenuta a luglio scorso a Firenze il vice ministro Pistelli ha ottenuto mandato dai paesi membri di lavorare a una posizione comune dell’Unione europea sul quadro post-2015. Ma qual è la posizione italiana sugli SDGs e il post 2015? Vogliamo che gli SDGs siano strettamente legati ai diritti umani (Human-Right based)? Il nostro governo manterrà la sua posizione contraria alla costituzione di uno strumento internazionale giuridicamente vincolante sulla violazione dei diritti umani da parte di società transnazionali e altre imprese commerciali? Sono queste

alcune delle domande che la società civile italiana sottopone al nostro esecutivo… Leggi altro

Taggato con: , , ,
Pubblicato in DGCS-MAECI, News