La community italiana della cooperazione internazionale
Vuoi ricevere ogni giorno i bandi e le news?

Prime tappe della Cavour, arriva l’onorevole in missione

Un ponte con i sauditi sull’alta tecnologia civile e militare e contatti nel settore medico-farmaceutico. La portaerei Cavour ha lasciato stamattina Gedda, prima tappa nella penisola arabica del lungo viaggio con il quale l’ammiraglia della flotta italiana fa da ambasciatrice nei paesi arabi e in Africa al know how e alle eccellenze italiane. Destinazione Abu Dhabi dove il gruppo navale (composto anche dalle navi Bergamini, Etna, Borsini e guidato dall’ammiraglio Paolo Treu) arriverà dopo otto giorni di navigazione. Il gruppo navale Cavour toccherà tutti gli Emirati della penisola, che avverrà dopo Capodanno. Nel Golfo saranno di scena molte realtà del Made in Italy, tra cui Expo 2015, Federlegno, Pirelli, Piaggio Aero, AVS System.

 

Tappa Jedda
Positivo il bilancio degli incontri a Gedda. Con i sauditi era del resto già aperto un tavolo di dialogo sull’alta tecnologia civile e militare ed il 25 ci sarà un incontro con il viceministro della difesa. Settori dove non è facile penetrare, visto che altri paesi, come Stati Uniti e Gran Bretagna, hanno antiche e solide collaborazioni con il Regno. In Arabia Saudita l’Italia ha voluto segnalare anche le sue capacità nel settore medico- farmaceutico.
L’ambasciatore Mario Boffo, accompagnato dall’onorevole Mauro Ottobre della Commissione permanente difesa, dal Console generale Simone Petroni e dall’addetto italiano per la difesa colonnello dell’Aeronautica Tommaso Collorafi , hanno inaugurato le attività a bordo». “L’Italia – ha sottolineato l’ambasciatore – vuole comunque potenziare il dialogo politico tra i due paesi promuovendo in futuro sempre di più visite in Arabia Saudita di Ministri italiani e istituzioni”.
Nella tappa di Gedda sono state soprattutto tre le aziende italiane protagoniste, tutte e tre leader, per diversi aspetti, nella tecnologia per la difesa: Fincantieri, WASS (Gruppo Finmeccanica) ed Elettronica.
La Fincantieri ha fatto passerella proprio con la portaerei Cavour, unità logistica ed anfibia, sede di comando e nave ospedale. La Fincantieri è leader mondiale nella costruzione di navi di crociera ed operatore di riferimento in altri settori: dalle navi militari ai cruise-ferry, dai mega yacht alle navi speciali ad alto valore aggiunto, alle riparazioni navali e trasformazioni navali e offshore.
Un’unità –spiega Domenico Rocco, responsabile del settore commerciale di Fincantieri – che può ricoprire molte funzioni, tra cui anche quella del trasporto mezzi durante le operazioni umanitarie”.
Commentando i contatti di questi giorni Rocco osserva che l’ Arabia Saudita è un paese complesso per ciò che riguarda le negoziazioni commerciali e molti dei contratti della difesa passano da accordi internazionali. Noi auspichiamo – aggiunge – anche grazie al lavoro dell’Ambasciatore a Riad e del governo italiano, di poter in futuro essere fornitori della Marina saudita”.
La seconda azienda italiana protagonista della tappa di Gedda è la WASS, del gruppo Finmeccanica “Questa missione – sottolinea l’ing. Luca Bollini che sulla Cavour rappresenta l’azienda – è un’ottima opportunità per far vedere cosa di buono stiamo facendo, soprattutto sulla Cavour dove abbiamo un sonar di grande aiuto alla navigazione”.
Infine Elettronica. L’azienda, fondata nel 1951, è uno dei leader europei nella produzione di apparati per la difesa elettronica, fornendo soluzioni in diversi campi: dalla capacità d’intercettazione durante le operazioni di law enforcement, alla sorveglianza di aree a rischio, dall’autoprotezione di piattaforme in zone ostili fino al monitoraggio dello scenario elettromagnetico.

 

Il quotidiano L’Adige di Trento approfondisce con due articoli la presenza dell’on. Mauro Ottobre in Arabia Saudita (per conto delle “aziende trentine”) e sulla Cavour. Onorevole Ottobre, cosa ci faceva a Jeddah? «Sono partito domenica 17 e tornato mercoledì 20, nei giorni in cui è arrivata la portaerei Cavour – spiega – Viaggio come parlamentare della Commissione difesa. Ho accompagnato, insieme all’Ice (Istituto commercio estero ndr ), aziende trentine in Arabia Saudita in incontri diplomatici».

 

Tappa Gibuti
“E’ stato meraviglioso portare doni e generali alimentari alla Caritas di Gibuti. Abbiamo visto i bambini sorridere, e non è poco”. Sono le parole del sottotenente di Vascello Serena Petricciuolo, medico di bordo della nave rifornitrice Etna, una delle due navi del Gruppo Cavour (l’altra è la Borsini) che si sono distaccate in questi giorni e che hanno fatto una tappa in più a Gibuti, svolgendo diversi compiti. Tra questi quello di portare aiuti alla Caritas di Gibuti e di visitare, con il loro personale medico di bordo, alcuni bambini africani sofferenti. “A causa della malnutrizione avevano ulcere agli arti inferiori”, ha riferito il sottotenente Petricciuolo.
A Gibuti l’equipaggio delle due navi ha prestato assistenza alla Caritas locale. Sono state donate casse di bottiglie d’acqua, 10 quintali di pasta, medicinali, pomate. Il personale medico dell’Etna ha svolto – tra l’altro – attività in collaborazione con Federottica che ha donato venticinque paia di occhiali. Una robusta scorta di medicinali e colliri è stata donata al locale ospedale di Balbalà.
Il gruppo navale Cavour, che si è riunito domenica nel Golfo di Aden, viaggia ora compatto verso gli Emirati arabi, dove arriverà il 30 novembre, al comando dell’ammiraglio Paolo Treu. “Avete lasciato un segno – ha detto ai suoi uomini dal ponte della Cavour. Abbiamo dimostrato che dentro le lamiere delle navi ci sono persone che ogni giorno con passione, dedizione e senso del dovere, lavorano per il bene comune”. (fonte Agrpress, immagine Unimondo – Mauro Biani)

 

“Cara Cavour non ci sfuggirai! Sei sotto il controllo dei nostri radar!”
Questa la pagina Facebook inaugurata da Retedisarmo per seguire passo dopo passo il viaggio del sistema Italia.

 

Prossima tappa il 30 novembre ad Abu Dhabi.

 


Leggi anche



  1. Ma quale commento possiamo postare se non quello dello sgomento, della rabbia, della frustrazione, della impotenza, ….fino a quello della sorpresa per la mancanza di limite e di sfacciataggine con cui stanno prevaricando tutto e tutti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *