La community italiana della cooperazione internazionale
Vuoi ricevere ogni giorno i bandi e le news?

Dalla UE 26 milioni per rafforzare il settore culturale e creativo nei paesi ACP

EuropeAid ha pubblicato nei giorni scorsi un bando all’interno del programma ACP – UE per la cultura che supporta i settori culturali e creativi dei Paesi ACP. Il bando intendefavorire lo sviluppo socioeconomico dei paesi di Africa, Caraibi e Pacifico rivitalizzando il settore culturale e quello creativo. Si potranno presentare progetti riguardanti il miglioramento della produzione di beni e servizi culturali, il miglioramento della distribuzione/diffusione di beni e servizi culturali, con accesso ai mercati nazionali, regionali e internazionali, l’incremento dell’educazione alla visual litarecy per i giovani e il miglioramento dell’accesso ai meccanismi di finanziamento e ad approcci tecnologici innovativi. Il budget del bando ammonta a 26 milioni di euro ed è suddiviso in lotti geografici. Il bando prevede la presentazione in un’unica soluzione del concept note e della proposta completa alla scadenza del 20 marzo 2020.

Ecco di seguito i lotti geografici previsti:

Lotto 1 – Africa occidentale: 6,2 milioni di euro
Lotto 2 – Africa orientale: 6 milioni di euro
Lotto 3 – Africa centrale: 4,2 milioni di euro
Lotto 4 – Africa meridionale: 3,8 milioni di euro
Lotto 5 – Caraibi: 3 milioni di euro
Lotto 6 – Pacifico: 2,8 milioni di euro

Per ogni lotto sarà approvato un solo progetto, per un valore pari all’ammontare del budget assegnato al lotto. La gran parte delle attività progettuali deve svolgersi in uno o più Paesi ACP del lotto prescelto.

Lotto 1Africa occidentale: Benin, Burkina Faso, Capo Verde, Costa d’Avorio, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Liberia, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Senegal, Sierra Leone, Togo
Lotto 2Africa orientale: Burundi, Isole Comore, Gibuti, Eritrea, Etiopia, Kenya, Madagascar, Mauritius, Ruanda, Seychelles, Somalia, Sudan, Tanzania, Uganda
Lotto 3Africa centrale: Camerun, Repubblica Centrafricana, Chad, Congo, Repubblica democratica del Congo, Guinea Equatoriale, Gabon, Sao Tome e Principe
Lotto 4Africa meridionale: Angola, Botswana, Eswatini (già Swaziland), Lesotho, Malawi, Mozambico, Namibia, Sud Africa, Zambia, Zimbabwe
Lotto 5Caraibi: Antigua e Barbuda, Bahamas, Barbados, Belize, Dominica, Repubblica Dominicana, Grenada, Guyana, Haiti, Jamaica, Saint Kitts and Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e le Grenadine, Suriname, Trinidad e Tobago
Lotto 6Pacifico: Isole Cook, Timor Est, Fiji, Kiribati, Isole Marshall, Micronesia, Nauru, Niue, Palau, Papua Nuova Guinea, Isole Salomone, Samoa, Tonga, Tuvalu, Vanuatu

I progetti devono essere presentati da partenariati di almeno 2 soggetti, dei quali almeno uno stabilito in un paese ACP del lotto per il quale si fa richiesta. Sono soggetti ammissibili alla costituzione del partenariato: fondazioni, associazioni, ONG, operatori del settore pubblico/privato, autorità locali, istituti di istruzione superiore e università e organizzazioni (intergovernative) internazionali. Il soggetto capofila del partenariato deve avere una esperienza dimostrabile di almeno 3 anni (maturata nel periodo 2015-2019) rispetto alle attività da svolgere.

Obiettivi del bando:

  • incrementare le entrate economiche del settore creativo nei Paesi ACP,
  • creare posti di lavoro collegati al settore culturale nei Paesi ACP,
  • migliorare l’accessibilità e il riconoscimento e lo sfruttamento commerciale degli artisti e delle loro opere nei Paesi ACP.

Il sostegno del programma è articolato su 4 assi:
a) creazione/produzione di beni e servizi di alta qualità, a prezzi competitivi e in quantità crescente;
b) accesso ai mercati nazionali, regionali e internazionali; circolazione/diffusione/promozione di beni e servizi ACP;
c) competenza visuale (visual literacy);
d) migliore accesso ai finanziamenti attraverso meccanismi innovativi che consentano il cofinanziamento e mirano a ridurre la dipendenza degli operatori culturali ACP dai finanziamenti internazionali.

Il settore culturale e creativo comprende: architettura, archivi, musei e biblioteche, artigianato artistico, settori audiovisivi (compresi film, televisione, videogiochi e multimedia), patrimonio culturale materiale e immateriale, design, moda, festival, musica, letteratura, arti dello spettacolo, editoria, radio, e arti visive.

Almeno il 75% del contributo essere destinato dal beneficiario al supporto finanziario di terzi selezionati attraverso il lancio di inviti a presentare proposte (almeno uno ogni anno). Inoltre almeno il 15% dell’ammontare del contributo deve essere assegnato a solidi meccanismi progettati per garantire il trasferimento a terzi di competenze, know-how, esperienza di supporto, monitoraggio e valutazione, in relazione agli obiettivi dell’invito.

Modulistica e guidelines


Leggi anche



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *