La community italiana della cooperazione internazionale
Vuoi ricevere ogni giorno i bandi e le news?

Guida agli strumenti di finanziamento 2014-2020 (Parte 1). Il programma Organizzazioni della Società Civile e Autorità Locali

Il ritardo con il quale l’Unione Europea ha avviato la nuova programmazione degli interventi a sostegno della cooperazione allo sviluppo ha prodotto una grande attesa da parte di tutti gli operatori dei settori interessati, in primis le ONG. Con l’approvazione a marzo 2014 dei nuovi regolamenti comunitari in materia, gli uffici di Bruxelles hanno lentamente avviato il loro lavoro per preparare il lancio dei nuovi programmi. Il 2014 è rimasto comunque un anno “bianco” e tutta la programmazione annuale prevista è stata di fatto spostata in avanti. Solo da pochi mesi è iniziata la pubblicazione di bandi che si riferiscono ai nuovi strumenti 2014-2020. E’ tempo quindi di orientarsi sulla nuova politica di sviluppo dell’Unione Europea, entrando nel merito dei nuovi programmi, caratterizzati da alcune novità rispetto al passato.

 

Per dare una mano agli operatori delle ONG, abbiamo pensato, su suggerimento di diversi lettori, di realizzare una guida sintetica in italiano che possa essere utilizzata agevolmente all’interno delle nostre organizzazioni anche a scopo formativo.

 

A partire da oggi, e per tre settimane, pubblicheremo le schede che compongono la “Guida agli strumenti di finanziamento EuropeAid 2014-2020 – Strumenti per le Organizzazioni della Società Civile nella Cooperazione allo Sviluppo” suddivisa in tre parti relative ai tre principali programmi che riguardano la cooperazione allo sviluppo e le ONG. Infine la guida completa sarà disponibile da scaricare in formato pdf.

 

La prima parte, che potrete scaricare di seguito, riguarda il programma “Organizzazioni della Società Civile e Autorità Locali” che sostituisce il programma “Attori Non Statali-Autorità Locali (NSA-LA)” presente nella programmazione 2007-2013. Il programma mira a rafforzare il ruolo rivestito dalle CSO e LA nei paesi partner e, focalizzandosi sulla questa duplice categoria di attori, vuole sviluppare un approccio multi-attore nel tentativo di responsabilizzare e condurre i cittadini all’azione, facendosi portatori e attuatori delle loro richieste.

 

Le schede sono tratte dalla pubblicazione di Concord Europe “Guide to EuropeAid funding instruments 2014–2020”, traduzione a cura di Vincenza Lofino.

 

Scarica la Parte 1 della Guida

 


Leggi anche



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *