La community italiana della cooperazione internazionale
Vuoi ricevere ogni giorno i bandi e le news?

Bando FAMI per sostenere campagne di sensibilizzazione e di informazione sui rischi della migrazione

Sarà pubblicato prima di Natale il bando FAMI per finanziare progetti di informazione e campagne di sensibilizzazione in materia di migrazione in Algeria, Gambia, Guinea Conakry, Costa d’Avorio, Niger, Mali, Marocco, Senegal o Tunisia, al fine di prevenire la migrazione irregolare e, in particolare, il traffico di migranti e la tratta di esseri umani, come definito nel programma di lavoro annuale FAMI per il 2017. L’obiettivo generale della call è di contribuire al cambiamento delle percezioni e dei comportamenti dei cittadini di paesi terzi che considerano la migrazione irregolare verso il UE e di coloro che influenzano le decisioni. Dotazione di budget 4,5 milioni. Scadenza per la presentazione delle proposte complete 5 aprile 2018

 

Codice bando: AMIF-2017-AG-INFO – AMIF-AG AMIF Action Grant

 

L’obiettivo di questo invito a presentare proposte è sostenere progetti che perseguono i seguenti obiettivi specifici:

  • fornire informazioni attendibili, fattuali ed equilibrate sui rischi della migrazione irregolare – durante il viaggio (pericoli di migrazione irregolare) e dopo l’arrivo (difficoltà a vivere irregolarmente nell’UE e ritorno), nonché sulle alternative legali pertinenti di migrazione e sulle opportunità economiche di soggiornare nel paese di origine;
  • potenziare le voci credibili nel contrastare le narrative dei migranti sulla migrazione irregolare e le narrative delle diaspore sulla vita irregolare nell’UE;
  • rafforzare la cooperazione multi-stakeholder tra attori come organizzazioni della società civile, ricercatori, media, attori statali locali, diaspora e, se del caso, altri soggetti interessati;
  • migliorare la sostenibilità delle attività di comunicazione e dei risultati della campagna.

 

Le proposte di progetti presentate nell’ambito della call dovrebbero basarsi sugli insegnamenti tratti dalle campagne passate e in corso di informazione e sensibilizzazione e attività, comprese quelle attuate dall’UE, dagli Stati membri e dalle organizzazioni internazionali nei paesi terzi. I progetti dovrebbero cercare sinergie con attività di comunicazione attuate nell’ambito di azioni finanziate dall’UE, come i progetti pertinenti cofinanziati dall’AMIF, e progetti finanziati dal Fondo fiduciario dell’UE per l’Africa, nonché, se del caso, con quelli attuati dall’UE Stati membri, organizzazioni internazionali e altri partner.

 

Le proposte di progetto dovrebbero consistere dei seguenti elementi chiave:

 

1. Ricerca preparatoria, al fine di sviluppare una strategia di comunicazione su misura, in particolare per identificare il pubblico o gli spettatori delle attività di comunicazione, le sue caratteristiche, le motivazioni, i bisogni e le lacune di informazione nonché l’accesso e il consumo dei progettare l’approccio più efficace per influenzare il suo (loro) comportamento. La ricerca preparatoria dovrebbe tenere conto dei risultati e delle lezioni apprese dalle precedenti campagne e attività di comunicazione svolte nello stesso paese e utilizzare i dati primari e secondari disponibili e le proprie analisi.

 

2. Una strategia di comunicazione personalizzata basata sui risultati della ricerca preparatoria, in particolare per definire:

  • l’ambito geografico della campagna (quale paese e quale parte di quel paese in particolare) e il contesto migratorio specifico (paese di origine vs transito);
  • il pubblico di destinazione e la sua segmentazione (genere, età, istruzione, professione, ecc.);
  • un concetto completo, compresa l’idea generale per la struttura della campagna, i messaggi chiave da utilizzare durante il periodo di attuazione delle attività e gli elementi visivi chiave;
  • un approccio creativo che consenta la partecipazione e il feedback da parte del pubblico di destinazione, ad es. promuovendo l’uso di app per smartphone e messaggi di testo per scopi di moltiplicazione e monitoraggio / feedback;
  • i canali di comunicazione da utilizzare per garantire un mix di media tradizionali e social, incluso il piano di acquisto dei media, se del caso, così come l’estensione a livello locale e tenendo conto delle abitudini di ciascun segmento del pubblico target in termini di accesso ai media e consumo, accesso e uso di informazioni attendibili;
  • strumenti alternativi di comunicazione, se del caso, come spettacoli teatrali, dibattiti condotti dalla comunità, concorsi (ad esempio foto, canzoni, video) e premi (ad esempio per giornalisti), visite scolastiche, testimonianze, coinvolgimento di celebrità ecc., Adattandoli alle abitudini e caratteristiche di ogni contesto e segmento del pubblico di destinazione;
  • indicatori chiave di prestazione (KPI), sia qualitativi che quantitativi, con baseline e obiettivi da utilizzare per monitorare l’implementazione e valutare il risultato della campagna.
  • piano dettagliato per il roll-out e la gestione della campagna;

 

3. La produzione e l’attuazione della campagna di comunicazione, in particolare:

  • pre-test di concetti e contenuti della campagna su gruppi campione di pubblico target identificato;
  • produzione del contenuto della campagna;
  • introduzione delle attività di comunicazione;

 

4. Monitoraggio e valutazione dei risultati e dell’impatto della campagna, in particolare:

  • raccolta e analisi degli indicatori chiave di prestazione definiti nella strategia di comunicazione;
  • prevedere adeguamenti della campagna in corso, se necessario;
  • consentire lezioni apprese e buone pratiche per le campagne future;

 

5. Una strategia per la sostenibilità delle attività della campagna, in particolare:

impegnarsi con attori statali e non statali, durante tutta la campagna, al fine di condividere il know-how e le migliori pratiche, sensibilizzare e costruire la proprietà;

 

Altre informazioni

 

 


Leggi anche



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *