La community italiana della cooperazione internazionale
Vuoi ricevere ogni giorno i bandi e le news?

Lockdown dei bandi, AICS annuncia un nuovo bando OSC per l’autunno

Potrebbe finire in autunno quello che si potrebbe definire un vero e proprio blocco dei bandi dell’Agenzia per la cooperazione destinati alla società civile. Dapprima la VM Del Re e in ultimo il premier Conte hanno confermato che entro la fine dell’anno l’Agenzia pubblicherà un nuovo bando per progetti di cooperazione promossi dalle OSC. Saranno passati esattamente 24 mesi dalla pubblicazione del bando OSC 2018 che con una dotazione finanziaria di 70 milioni aveva co-finanziato 50 nuovi progetti promossi delle organizzazioni della società civile.

Secondo le indiscrezioni circolate nelle ultime settimane si tratterebbe di uno stanziamento complessivo di 82 milioni di euro a valere sul triennio 2020-2022. Un bando che l’AICS metterebbe in campo con nuove procedure, le cosiddette “procedure RBM”, ovvero “results based management – gestione basata sui risultati”, che attualmente stanno affrontando l’iter interno di approvazione.

Non si sa invece quale saranno la modalità prescelte, se si tratterà di un bando in una o due fasi (con elaborazione del concept note), se sarà suddiviso in lotti geografici e/o tematici e se i massimali resteranno gli stessi del 2018, massimo 1,8 milioni di contributo per progetto, e quindi la potenziale approvazione di 50-60 nuove iniziative.

Congelato il bando sull’educazione alla cittadinanza globale 
Se qualcosa sembra sbloccarsi ce n’è un’altra che invece si arena. Con grande stupore si apprende che non ci sarà il bando per il co-finanziamento di progetti di educazione alla cittadinanza globale la cui ultima edizione è targata 2018. Un budget variabile tra 5 e 7 milioni sembra essere stato congelato nonostante la VM Del Re abbia spesso sottolineato la centralità della sensibilizzazione e della educazione alla cittadinanza globale e nonostante la recentissima adozione in sede di CICS (Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo) del documento di strategia nazionale dell’ECG che giaceva ormai da quasi tre anni in attesa di approvazione.

Al via la valutazione dei progetti del bando profit e enti territoriali
Nel frattempo sono da poco scaduti i termini per la presentazione delle proposte progettuali per gli unici due bandi nazionali attualmente in svolgimento, quello dedicato alle imprese e quello per gli enti territoriali nella cooperazione internazionale.

Stenta a decollare il bando dedicato alle imprese italiane e al loro coinvolgimento nella cooperazione internazionale. Nonostante il bando sia stato aperto per oltre sette mesi (grazie a due proroghe concesse nei mesi scorsi) sono pervenute 54 proposte progettuali. Nell’edizione targata 2018 avevano partecipato 40 aziende e 25 nella prima edizione del 2017. E’ del tutto probabile che anche questa terza edizione si chiuda quindi con l’impossibilità di assegnare tutti i 5 milioni di dotazione finanziaria del bando.

In crescita più significativa la capacità progettuale degli enti territoriali italiani. Alla scadenza del 18 giugno scorso (prorogata anche questa per ben due volte) sono pervenute ad AICS 69 proposte progettuali valide (più sei arrivate oltre la scadenza) contro le 53 pervenute nell’edizione 2017.

Scarica l’elenco delle proposte pervenute


Leggi anche



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *