La community italiana della cooperazione internazionale
Vuoi ricevere ogni giorno i bandi e le news?

Ambiente in Africa Occidentale, due opportunità per ottenere grant

Vi segnaliamo due opportunità che ci avete inviato attraverso la pagina “Segnala un Bando”. Si tratta di due programmi di grant sull’Africa Occidentale, entrambe riguardano tematiche ambientali. Il primo è il Global Environment Facility francese operato in partenariato con IUCN e promuove la conservazione della biodiversità e la lotta contro il cambiamento climatico. Il secondo riguarda i processi di governance delle risorse naturali ed è operato da OSIWA, programma di Open Society Initiative sull’Africa Occidentale.

 

French Global Environment Facility – Small-Scale Initiatives

 

In collaborazione con il Comitato francese di IUCN, il Global Environment Facility

francese ha annunciato il suo programma 2014 per le iniziative su piccola scala (PPI) al fine di promuovere la conservazione della biodiversità e la lotta contro il cambiamento climatico. L’ambito geografico è l’Africa occidentale, Madagascar e Mozambico con priorità per le ONG africane e le organizzazioni internazionali che le sostengono. I grant possono raggiungere mediamente 35.000 € (fino al 75% dei costi totali del progetto).

La scadenza per la presentazione dei concept note è 15 Giugno 2014.

 

 

Grants di OSIWA per migliorare la gestione delle risorse naturali

 

OSIWA, programma di Open Society Initiative sull’Africa Occidentale, lavora per promuovere la governance politica ed economica verso la giustizia e i diritti umani in Africa occidentale. L’invito 2014 a presentare proposte prevede  l’obiettivo di migliorare le strutture per la gestione delle risorse naturali nei seguenti paesi: Ghana, Guinea, Liberia, Niger, Nigeria, Senegal e Sierra Leone. OSIWA concede grant soprattutto alle organizzazioni locali in Africa occidentale, anche se sarà possibile finanziare altri tipi di organizzazioni in circostanze limitate. La scadenza per le domande è fissata al 30 Maggio 2014.

 


Leggi anche



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *