La community italiana della cooperazione internazionale
Vuoi ricevere ogni giorno i bandi e le news?

Sotto l’albero arriva il bando AICS 2020 per le organizzazioni della società civile

A seguito dell’approvazione dello scorso 14 dicembre in seno al Comitato Congiunto con Delibera n. 141/2020 è stato pubblicato stamattina il bando AICS 2020 per la concessione di contributi a Iniziative promosse da organizzazioni della società civile e altri soggetti senza finalità di lucro iscritti all’elenco di cui dell’art.26 della Legge n.125/2014. La dotazione finanziaria si attesta a 91.013.879 euro ed incorpora anche quella del bando per il sostegno delle comunità cristiane nelle aree di crisi (ai sensi della L. n.145/2018, articolo 1, c. 287) che di fatto diventa un lotto di questo bando 2020. La pubblicazione in Gazzetta (G.U.R.I – Serie Generale n. 318/2020) fissa il termine per la presentazione delle proposte complete al giorno 8 aprile 2021.

Il bando è suddiviso in tre lotti:

Lotto n. 1 riservato alle iniziative proposte dalle OSC da realizzare nei Paesi prioritari (Egitto, Tunisia, Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Burkina Faso, Niger, Senegal, Mozambico, Giordania, Iraq, Libano, Palestina, Albania, Bosnia Erzegovina, Cuba, El Salvador, Afghanistan, Myanmar, Pakistan);

Lotto n. 2 riservato alle iniziative proposte dalle OSC da realizzare nei Paesi non Prioritari in cui vi è competenza territoriale di AICS (Mali, Mauritania, Guinea, Guinea Bissau, Sierra Leone, Ciad, RCA, Eritrea, Camerun, Gibuti, Algeria, Libia, Marocco, Burundi, Tanzania, Uganda, RDC, Rwanda, Zimbabwe, Malawi, Bangladesh, Vietnam, Laos, Cambogia, Colombia, Bolivia, Ecuador, Perù, Nicaragua, Honduras, Guatemala, Costa Rica, Belize, Repubblica Dominicana, Haiti, Kosovo);

Lotto n. 3 riservato alle iniziative proposte dalle OSC per il finanziamento di interventi a sostegno delle comunità cristiane nelle aree di crisi, ai sensi della L. n. 145/2018, art 1, c. 287, da realizzarsi nei seguenti Paesi individuati tra quelli considerati prioritari ai sensi del vigente Documento Triennale e quelli indicati nel vigente Atto Autorizzativo delle missioni internazionali (cd. “Decreto Missioni”), in cui vi è competenza territoriale di AICS: Egitto, Tunisia, Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Burkina Faso, Niger, Senegal, Mozambico, Giordania, Iraq, Libano, Palestina, Albania, Bosnia Erzegovina, Cuba, El Salvador, Afghanistan, Myanmar, Pakistan, Libia, Mali, Repubblica Centrafricana, Eritrea, Gibuti, Guinea, Guinea Bissau, Kosovo.

La dotazione finanziaria è così ripartita per ciascuno dei Lotti di cui al precedente articolo 1, comma 2:

  • Lotto n. 1: valore complessivo erogabile pari a Euro 65.000.000
  • Lotto n. 2: valore complessivo erogabile pari a Euro 20.000.000
  • Lotto n. 3: valore complessivo erogabile pari a Euro 6.013.879

Priorità e temi
Per i Lotti 1 e 2, i settori di intervento verso cui si intendono indirizzare le Iniziative eleggibili per il presente Bando rientrano tra le priorità settoriali e le tematiche trasversali del Documento Triennale, sono allineati alla definenda Programmazione 2021. Si tratta nello specifico di:

  • AMBIENTE
  • SERVIZI di BASE, con riferimento specifico a SALUTE e ISTRUZIONE
  • SICUREZZA ALIMENTARE E AGRICOLTURA SOSTENIBILE
  • SVILUPPO DEL SETTORE PRIVATO, SOSTEGNO ALLE PMI E CREAZIONE DI IMPIEGO
  • MIGRAZIONI E SVILUPPO DELLE COMUNITA’ LOCALI

Per quanto riguarda il lotto 3 Le attività potranno riguardare:

  • servizi di base (istruzione, salute, wash, etc);
  • sicurezza alimentare;
  • attività generatrici di reddito;
  • assistenza legale (anche in termini di attuazione delle disposizioni degli ordinamenti locali);
  • riabilitazione/realizzazione di immobili di uso delle comunità interessate (scuole, centri comunitari, luoghi di aggregazione, altre infrastrutture distrutte da attentati ad eccezione di luoghi di culto, etc.), sia attraverso opere civili che con acquisto di attrezzature;
  • supporto ai difensori dei diritti umani;
  • tutela del patrimonio culturale e religioso in pericolo;
  • favorire la convivenza tra minoranze cristiane e comunità ospitanti, promuovendo l’educazione alla pace e ai diritti umani;

Per i Lotti 1 e 2, saranno valutati con un elemento di premialità i progetti da realizzare nei paesi che fanno parte dell’area del G5 Sahel: Mali, Niger, Burkina Faso, Ciad e Mauritania.

La dimensione di genere con particolare riferimento all’empowerment di donne, ragazze e bambine, l’attenzione all’infanzia e alla disabilità sono tematiche trasversalmente presenti in tutte le attività di cooperazione allo sviluppo e sono, pertanto, riproposte come tali nel presente Bando.

Le Iniziative potranno prevedere l’attivazione di partenariati tra il Soggetto Proponente e:

  1. a) i soggetti indicati al Capo VI della Legge n. 125/2014 che, per la loro expertise e natura, apportino un contributo qualificante nella realizzazione degli obiettivi prefissati nella Proposta in linea con i principi e criteri delle Procedure Generali;
  2. b) i partner locali, in possesso di comprovata e specifica capacità tecnica e operativa, in un’ottica non solo di promozione dell’ownership dei processi di sviluppo, ma anche di sostenibilità dell’Iniziativa nel medio-lungo termine. La presenza di almeno un partner locale è obbligatoria.

E’, inoltre, consentita la creazione di Associazioni Temporanee di Scopo (ATS) tra OSC iscritte all’Elenco, atte a promuovere un maggiore impatto anche attraverso programmi multi-paese.

Limitazioni alla partecipazione
Per i Lotti 1 e 2, il Soggetto Proponente può presentare fino a due (2) iniziative come Capofila (incluse quelle come capofila in ATS). Lo stesso Soggetto Proponente, se ha presentato proposte come capofila, può presentare fino a cinque (5) Iniziative come Partner (incluse quelle ove sia membro mandante in ATS). Qualora la OSC non abbia presentato alcuna iniziativa come Soggetto Proponente/Capofila, può presentare fino a sei (6) Iniziative come Partner (incluse quelle ove sia membro mandante in ATS).

Per il Lotto 3, il Soggetto Proponente può presentare fino a una (1) iniziativa come Capofila. Lo stesso Soggetto Proponente, se ha presentato proposte come capofila, può presentare fino a due (2) Iniziative come Partner. ). Qualora la OSC non abbia presentato alcuna iniziativa come Soggetto Proponente/Capofila, può presentare fino a tre (3) Iniziative come Partner.

Il Soggetto Proponente può presentare iniziative come Capofila e/o Partner per uno o più Lotti. Il numero di Proposte come Capofila e Partner ammissibili per i Lotti 1 e 2 e per il Lotto 3 si sommano. E’, pertanto, ammissibile presentare 2 iniziative come Capofila per il Lotto 1 e/o 2, e 1 iniziativa per il Lotto 3.

Limitazioni al budget dei progetti
Per i Lotti 1 e 2, la Proposta per essere ritenuta ammissibile deve, a pena di esclusione:

  1. prevedere una durata ordinaria minima di 24 mesi e massima di 36 mesi;
  2. contenere una richiesta di contributo AICS complessivamente non superiore a 800.000,00 Euro per Iniziative di durata triennale e a 1.200.000,00 Euro per Iniziative di durata biennale. L’importo minimo del contributo AICS per entrambe le durate è di 800.000,00 Euro;
  3. per le Iniziative che si intendono realizzare in ATS, contenere una richiesta di contributo AICS complessivamente non superiore a 3.600.000,00 Euro e una durata ordinaria di 36 mesi;
  4. richiedere un contributo AICS non può essere superiore al 95,00% del costo totale dell’Iniziativa;
  5. prevedere che la partecipazione monetaria al costo totale dell’Iniziativa assicurata dal Soggetto Proponente, sia con risorse proprie che di altri finanziatori, secondo quanto previsto dall’articolo 13.2.17 delle “Procedure Generali”, sia pari almeno al 5,00 % del costo totale. Il Soggetto Proponente deve indicare nella sezione 1 del DUP, nel campo “Apporto Monetario del Soggetto Proponente”, l’eventuale codice di progetto da cui proviene l’apporto monetario (se è noto in fase di presentazione della Proposta iniziale) e specificare se trattasi di cofinanziamento di uno stesso progetto da parte di più donatori, ovvero di eventuali sinergie che potrebbero verificarsi tra progetti diversi nel corso della loro realizzazione, ovvero se trattasi di altri casi. In fase di implementazione, spetterà al Revisore esterno controllare la corretta imputazione dell’apporto monetario del Soggetto Proponente/Esecutore, laddove proveniente da altri finanziamenti pubblici, ovvero controllare che non vi siano casi di double funding.

Per il Lotto 3 la Proposta per essere ritenuta ammissibile deve, a pena di esclusione:

  1. prevedere una durata ordinaria minima di 12 mesi e massima di 24 mesi;
  2. contenere una richiesta di contributo AICS complessivamente non superiore a 400.000,00 Euro per iniziative di durata annuale e 800.000,00 Euro per iniziative di durata biennale. L’importo minimo del contributo AICS per entrambe le durate è di 150.000,00 Euro. Queste soglie rimangono valide anche in caso di costituzione di ATS.
  3. richiedere un contributo all’AICS non superiore al 95,00 % del costo totale dell’Iniziativa;
  4. prevedere che la partecipazione monetaria al costo totale dell’Iniziativa assicurata dal Soggetto Proponente, sia con risorse proprie che di altri finanziatori, secondo quanto previsto dall’art 13.2.17 delle “Procedure Generali”, sia pari almeno al 5,00 % del suddetto costo.

Altre limitazioni
Un massimo di 100.000 € potranno essere destinati ad attività di supporto e monitoraggio, controllo e verifica delle summenzionate Iniziative e da svolgersi direttamente da parte dell’AICS.

Il compenso per l’incarico del Revisore esterno per tutta la durata dell’Iniziativapuò ammontare al massimo al 2,00% del totale dei costi diretti.

I costi da sostenere per le misure di sicurezza e di prevenzione e contrasto al COVID – 19, il Soggetto Proponente dovrà prevedere un importo pari al massimo al 5,00% del totale dei costi diretti.

Per i costi di visibilità, comunicazione e informazione non riconducibili ad attività del singolo Risultato e non necessari al raggiungimento del Risultato stesso, la strategia di visibilità contenuta nella Sezione 12 del DUP dovrà dettagliare attività, beni e iniziative previste e i relativi costi non devono superare 15.000 €.

Per il personale in Italia di supporto operativo e amministrativo all’Iniziativa, sono complessivamente ammissibili 4 mensilità / uomo / anno di attività.

I costi indiretti, si applica la percentuale massima prevista all’articolo 4.1.1. delle Procedure Generali. Pertanto, non dovranno essere superiori al 7,00% dei costi diretti.

Scarica il bando

Scarica gli allegati al bando

Scarica gli allegati alla domanda e la DUP

Scarica gli allegati relativi al contratto


Leggi anche



  1. Incomprensibile un lotto specifico dedicato ad una specifica minoranza religiosa. Con tutte le minoranze discriminate, vessate e perseguitate (su base etnica, religiosa, sessuale, etc.) che ci sono al mondo, non si capisce su quale criterio si sia deciso di sceglierne prorprio una in particalare (che ovviamente merita tutto il rispetto e la protezione possibili, laddove l’esistenza dei suoi rappresentanti fosse minacciata). O forse AICS, essendo italiana, si è forse immedesimata nel paladino della cristianità? Sarebbe poco pertinenete per un’Agenzia che si occupa di cooperazione allo sviluppo.
    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *